Omicidio di un gay a Roma. Le piste sono almeno due...

08 gennaio 2014 ore 12:35, intelligo
Omicidio di un gay a Roma. Le piste sono almeno due...
di Orietta Giorgio. 

 Il cadavere trovato ieri sul greto del fiume Tevere, all’altezza del viadotto della Magliana a Roma, è di Daniele Fulli, parrucchiere di 28 anni. La ricerca del ragazzo, scomparso il 4 gennaio, si conclude tragicamente, con il ritrovamento del corpo nel pomeriggio del 7 gennaio. Il corpo presenta due fori al collo e all’inguine, causati, probabilmente, da proiettili di piccolo calibro, e vari ematomi. Queste le parole di Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center: "Apprendiamo sgomenti della morte di Daniele Fulli, il giovane ritrovato cadavere sul Tevere. Daniele era un volontario della nostra associazione. Recentemente era stato scosso dalla morte di Simone, il giovane gay suicida a Roma a cui lui era molto legato”. Un’amica del ragazzo pensa che la sua morte sia stata causata da un “incontro sbagliato": "Forse è stata questa la causa della morte di Daniele. Era un ragazzo semplice, dava molto a vedere la sua omosessualità con atteggiamenti effemminati. Ma viveva benissimo la sua sessualità. A volte veniva preso come mascotte per la sua simpatia. Purtroppo di orchi ce ne sono in giro". 

 Gli investigatori valutano varie piste, tra le quali quella di omicidio, maturato in ambienti omosessuali. Roma di nuovo protagonista di un episodio di omofobia o qui la questione è un'altra?
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...