Mafia Capitale, un prefetto in Campidoglio: Marino senza carta bianca...

09 dicembre 2014 ore 16:30, intelligo
Mafia Capitale, un prefetto in Campidoglio: Marino senza carta bianca...
Tecnicamente si chiama “accesso agli atti”.
Tradotto: il prefetto di Roma eserciterà poteri di accesso, controllo e accertamento sul Comune di Roma. Lo ha deciso il ministro dell’Interno Angelino Alfano che stamani ha ricevuto Pecoraro al Viminale. Un incontro per fare il punto della situazione e individuare la direzione da assumere dopo i fatti emersi dall’inchiesta della procura denominata “Mafia Capitale”. Tra l’opzione scioglimento del consiglio comunale e il ritorno alle urne (chiesto dai grillini ma anche da Fi) e l’attesa della chiusura delle indagini, Alfano ha scelto la via mediana. Decisione definita “opportuna” dal presidente della Commissione Antimafia Rosy Bindi per la quale si tratta di una “scelta rispettosa delle procedure, che nella trasparenza permetterà gli approfondimenti necessari a valutare se ricorrano o meno i presupposti per un commissariamento”. Ipotesi, dunque, che al momento non viene scartata definitivamente. “La gravità dei fatti emersi dall'inchiesta Mafia Capitale - spiega Bindi alle agenzie di stampa - esige massimo rigore e celerità ma senza strappi alle regole, perché l'obiettivo non può essere quello di punire l'amministrazione ma di individuare e superare le eventuali zone d'ombra per restituire fiducia ai cittadini”. LuBi
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...