Carlo Verdone dice no al quartiere a luci rosse

09 febbraio 2015 ore 11:28, Andrea De Angelis
"D'accordo, regolamentiamo l'Eur. Posso anche sforzarmi di capirlo. Poi però c'è tutto il resto di Roma, che è una città ancora più complessa di tutte le altre. Ragiono di continuo su questa vicenda e non riesco a essere convinto. Sia perché servirà a poco, prefiggendosi di regolamentare un problema eterno, sia perché è una mossa viziata da un errore etico di base, ammettere che il corpo femminile possa essere messo in vendita. Sarò all'antica e sarò ingenuo, ma non posso accettare una cosa simile". Così Carlo Verdone in un'intervista a Il Fatto Quotidiano sull'arrivo di un quartiere a luci rosse nella capitale. L'attore e regista romano non si è mai tirato indietro dal dire la sua sugli spinosi problemi che riguardano la città. Memorabile a tal proposito (e drammaticamente attuale) lo spot con il quale denunciava la scarsa attenzione dei suoi concittadini per il decoro urbano:  
caricamento in corso...
caricamento in corso...