E' proprio Mala-grotta... Arrivano gli arresti

09 gennaio 2014 ore 13:07, intelligo
E' proprio Mala-grotta... Arrivano gli arresti
di Orietta Giorgio. La discarica di Malagrotta chiude dopo 30 anni di attività. Sette persone sono state arrestate dai carabinieri del Noe (Nucleo Operativo Ecologico) di Roma. Manlio Cerroni, proprietario dell’area della discarica, è ai domiciliari, così come Bruno Landi ex presidente della Regione Lazio. I reati contestati agli indagati sono associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti e truffa. In corso sequestro di beni per 18 milioni di euro. L’inchiesta della Procura di Roma coinvolge anche i dirigenti regionali Luca Fegatelli e Raniero De Filippis, il manager Francesco Rando, gestore della Pontina ambiente e della E.Giovi s.r.l. che insieme alla Co.la.ri fatturano  150 milioni di euro l’anno. Altri collaboratori di Cerroni agli arresti domiciliari sono Pino Sicignano, direttore della discarica di Albano Laziale e l’imprenditore Piero Giovi. L’inchiesta partita nel 2009, condotta dai carabinieri del Noe di Roma agli ordini del colonnello Sergio De Caprio ( detto “Ultimo”, nel 1993 catturo Totò Riina) e del capitano Pietro Rajola Pescarini. Il consigliere regionale M5S Devid Porrello commenta"Vorrei prima di tutto ringraziare le forze dell'ordine che hanno realizzato gli arresti. Le accuse sono gravissime e convergenti con i timori che da mesi proviamo a portare nell'aula di via della Pisana". IL businnes dei rifiuti miete vittime. Sono molte le persone che abitano nella zone limitrofe a Malagrotta e che da anni denunciano di ammalarsi di mali incurabili. A Valle Galeria si convive con la discarica, con un numero di casi di tumori impressionante, e con la speranza che venga avviata una bonifica. Staremo a vedere.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...