L'e-lezione di Zingaretti: "Non mi candido a sindaco perchè......."

09 novembre 2015 ore 15:06, Americo Mascarucci
L'e-lezione di Zingaretti: 'Non mi candido a sindaco perchè.......'
Lo hanno tirato in ballo per l’ennesima volta, ma stavolta “l’uomo del monte" ha detto no; almeno così sembra. 

Nicola Zingaretti ex presidente della Provincia di Roma e attuale Governatore del Lazio, era stato già indicato come candidato sindaco della Capitale alle passate elezioni; poi però arrivarono impreviste le elezioni anticipate alla Regione Lazio e così il Pd decise di puntare su di lui per la Pisana. Scelta azzeccata, perché Zingaretti vinse.

Adesso il Pd si trova alle prese con la scelta del candidato sindaco di Roma, dove il Pd dovrà faticare e molto per riguadagnare fiducia dopo il fallimento della giunta Marino; e così il nome di Zingaretti è ritornato in ballo. 

Stavolta però il diretto interessato ha ringraziato e declinato, forse consapevole di quanto la sfida per riconquistare il Campidoglio per il centrosinistra sia tutta in salita e potrebbe rivelarsi impetuosa anche per lui. 
Quindi meglio rimanere in Regione. 

Per sgomberare il campo da indiscrezioni e dietrologie, Zingaretti ha deciso dunque di chiamarsi fuori dalla partita, senza se e senza ma
Leggo da retroscena giornalistici che si penserebbe a me come candidato piu' forte per il Sindaco a Roma per il centrosinistra – scrive il Governatore del Lazio -  Lo interpreterei anche come il riconoscimento di un lavoro immenso di risanamento e rilancio fatto in questi tre anni alla Regione Lazio. Questo sicuramente e' un dato importante. Ma, come ho gia' detto da tempo, escludo questa ipotesi. I motivi sono noti – aggiunge -  Chi mi conosce sa quanto le mie riflessioni sul mio ruolo siano tutte esclusivamente dedicate e concentrate a concludere un lavoro durissimo avviato in questa legislatura regionale e che dopo tre anni inizia a dare i suoi frutti. Sono convito peraltro che questo sia il modo piu' serio per dare il mio contributo al centrosinistra"

Insomma un modo molto diplomatico per dire: “lasciatemi in pace” o molto più realisticamente “sto bene dove sto, e a rimetterci la poltrona di Governatore per salvare la faccia al Pd, non ci penso proprio”. 

E stavolta pare che il fratello del commissario Montalbano abbia le idee davvero chiare. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...