Alitalia, Gubitosi: "Cig per 300 dipendenti...puntare al lungo raggio"

16 giugno 2017 ore 13:18, Luca Lippi
Dopo l’apertura delle buste per le manifestazioni di interesse, necessarie per programmare la soluzione della crisi Alitalia, Gubitosi, uno dei tre commissari nominati dal governo per trovare una soluzione della crisi, spiega i prossimi passi. A Uno Mattina il commissario straordinario ha detto: “concentrarsi sul mercato domestico” e la “mancata fusione con KLMsarebbero state le due scelte maggiormente penalizzanti per il futuro di Alitalia.
Gubitosi ha precisato che “Il mercato del lungo raggio è la parte più profittevole per la compagnia”, esprimendo la propria soddisfazione per le nuove tratte invernali verso Maldive e Indie. Il commissario ha inoltre dichiarato che d’ora in avanti saranno le rotte per l’estremo oriente, da Cina a Giappone e Corea, a portare “le grandi cifre”.
Alitalia, Gubitosi: 'Cig per 300 dipendenti...puntare al lungo raggio'
Le manifestazioni di interesse per Alitalia sono 33 e “nei prossimi giorni”, si aprirà la data room che prelude alla richiesta di indicazioni sulle intenzioni degli interessati e quindi alle offerte non vincolanti. Ha detto Gubitosi: Il nostro obiettivo è la vendita in blocco. Cerchiamo un investitore interessato ad investire in Alitalia nel suo complesso. Vorremmo qualcuno del settore con cui fare sinergie, ma guarderemo comunque a tutte le offerte senza preconcetti”.
Alitalia prenderà inoltre parte a tutti i bandi degli aeroporti, compresi quelli in genere riservati alle low cost. tuttavia Gubitosi con amarezza ha dovuto constatare che le amministrazioni: “solitamente favoriscono le compagnie di bandiera, ma non qui. Qui abbiamo dovuto cambiare lo statuto in tre giorni per poter partecipare ad un bando in Calabria”, queste le sue parole.
Riguardo i dipendenti, Gubitosi ha dichiarato:Stiamo provando a ridurre tutti i costi per salvare la compagnia, ma questo non ci permette di evitare la cassa integrazione” nonostante l’opposizione dei sindacati che disapprovano una cig per oltre 300 dipendenti. Il commissario ha inoltre sottolineato come, nell'ambito di una politica generale di tagli alla spesa, “la sicurezza è l’unica cosa che non verrà mai messa in secondo piano”.
Ha anche espresso perplessità sullo sciopero in corso oggi (16 giugno):Gli scioperi di venerdì d’estate sono da irresponsabili”, “non ho capito bene perché si sciopera, è un regalo alla concorrenza” ha ricordato Gubitosi, aggiungendo però che Alitalia si impegnerà a mantenere regolare il maggior numero di voli, cancellandone solo 160 su 620. Intanto, i primi 15 della giornata sono stati regolari. L'auspicio, per il commissario è di trasformare un venerdì nero in uno grigio.

#Gubitosi #Alitalia #Manifestazionediinteressi #Sciopero #CassaIntegrazione #LungoRaggio
autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...