Catalogna, Diego Fusaro: "Puigdemont ridicolo. Prevarrà logica di Soros"

02 ottobre 2017 ore 16:49, Americo Mascarucci
"Per la Commissione europea, come il presidente Juncker ha ribadito ripetutamente, questa è una questione interna della Spagna, che deve essere gestita dall'ordine costituzionale in Spagna". Così il portavoce della Commissione europea, Margaritis Schinas ha commentato i risultati del referendum indipententista che si è tenuto ieri in Catalogna ribadendo tuttavia come l'Europa lo ritenga "illegale".  Il presidente catalano Puigdemont però a stretto giro ha risposto: "La Ue deve favorire una mediazione. Non può continuare a guardare dall'altra parte: questa è una questione europea, non interna". Insomma, che deve fare l'Europa? Lasciare che la Spagna risolva la questione catalana senza interventi esterni, o quantomeno favorire un negoziato, mettere le parti intorno ad un tavolo tentando una mediazione? Intelligonews lo ha chiesto al filosofo Diego Fusaro.
Catalogna, Diego Fusaro: 'Puigdemont ridicolo. Prevarrà logica di Soros'

Come giudica il botta e risposta fra la Ue e il presidente catalano Puigdemont? L'Unione Europea deve intervenire per risolvere il conflitto fra Madrid e Barcellona?

"Fa ridere Puigdemont che vuole uscire dalla Spagna ma al tempo stesso chiede l'intervento dell'Europa. Assurdo non riconoscere lo stato spagnolo, riconoscendo nel contempo l'Unione Europea. Forse questo signore dovrebbe chiarirsi le idee, mi pare sia parecchio confuso e in contraddizione con se stesso. Non ha senso non riconoscere la Spagna e riconoscere l'Europa. Aggiungerei che è ridicolo".

Il direttore di Intelligonews Fabio Torriero oggi ha evidenziato come l'Unione Europea si trovi in forte imbarazzo. Da un lato vorrebbe la fine degli stati sovrani e quindi sotto sotto si compiace di quanto avviene in Catalogna, dall'altro ha firmato accordi e trattati con quelli stessi stati sovrani e quindi è costretta a difendere la Spagna. Condivide?

"La posizione europea mi sembra una posizione pilatesca, ma del resto non c'è da meravigliarsi visto che, ancora una volta, dietro gli indipendisti catalani c'è chi vede la longa manus di George Soros. Questo dato credo non sia irrilevante per capire la reale geometria dei rapporti di forza. Credo che Torriero abbia ragione.  L'Europa è una struttura che si regge sulla contraddizione permanente e questa vicenda lo dimostra per l'ennesima volta".

Sempre Torriero oggi mettendo in guardia i sostenitori italiani di Puigdemont evidenzia come il suo non sia un populismo identitario ma puramente economico e globalista e dunque basato sull'egoismo finanziario. E' così?

"Ho una visione più cauta. Vedo nel fronte degli indipendentisti catalani correnti diverse. Sicuramente ci sono i mondialisti arcobaleno descritti da Torriero ma ci sono anche indipendentisti dal sentimento nazionale anti globalista, quindi anche qui vedo un coacervo di contraddizioni. Penso tuttavia che se la questione andrà avanti saranno sicuramente le correnti globaliste a prendere il sopravvento perché è nella logica delle cose che i mondialisti prevalgano in funzione cosmopolita".

Come evolverà la situazione?

"Al momento si spegnerà tutto per riemergere in un prossimo futuro". 
caricamento in corso...
caricamento in corso...