M5s, fenomeno Pizzarotti. E Grillo si giustifica: "Allontanato chi tradiva"

26 giugno 2017 ore 13:51, intelligo
M5s: è allarme. E Grillo chiama gli elettori dal blog: "Abbiamo bisogno di voi o restiamo dentro inferno". E' un fiume in piena Beppe, conscio del tradimento dei grillini, tenta il recupero dei suoi al suon della vecchia politica da eliminare: "L'Italia sta sprofondando trascinata giù da una montagna di debito pubblico, dal fallimento del sistema bancario, dalle aziende che chiudono quotidianamente, dalla disoccupazione, da chi fa business sugli immigrati. I media di regime ripetono che è tutta colpa del MoVimento 5 Stelle, che noi siamo il male dell'Italia e che la soluzione sono i soliti: Berlusconi con Montezemolo e Frattini da una parte e Renzi, Prodi, Pisapia, D'Alema dall'altra. Possiamo rimanerci dentro questo inferno, farci prendere a schiaffi, oppure aprirci la strada lottando verso la luce. Possiamo scalare le pareti dell’inferno un centimetro alla volta. Noi però, cari italiani, non possiamo farlo per voi. Abbiamo bisogno di tutto il vostro sostegno - sottolinea -. Mi guardo intorno, vedo i vostri volti e penso 'certo che senza di loro non avremmo fatto neanche un metro di strada'. Sì, perché siamo senza soldi per aver rinunciato a tutti i finanziamenti pubblici, che ci crediate o no, noi ci reggiamo solo sulle piccole donazioni volontarie che fanno i semplici cittadini come voi".
M5s, fenomeno Pizzarotti. E Grillo si giustifica: 'Allontanato chi tradiva'
Quanto al fenomeno Pizzarotti che non nomina mai invia un messaggio di chiarimento sulle scelte fatte finora
: "Abbiamo allontanato chi tradiva i nostri valori e non siamo mai scesi a compromessi, anche se tanti, forse anche tu che leggi, ci dicevano di fare il contrario". 

D'ora in poi per il leader M5S "da qui al governo è questione di pochi metri, non lo dico per arroganza, ma per senso di responsabilità. Dobbiamo avere ben chiaro che su questa squadra poggiano le speranze di milioni di persone, in questa squadra si combatte per un centimetro, in questa squadra ci massacriamo di fatica noi stessi e tutti quelli intorno a noi per un centimetro, ci difendiamo con le unghie e con i denti per un centimetro, perché sappiamo che quando andremo a sommare tutti quei centimetri il totale allora farà la differenza tra la vittoria e la sconfitta, la differenza fra vivere e morire, fra governare questo paese per i cittadini e subire ancora il governo delle lobby e degli amici e dei figli di. E voglio dirvi una cosa: in ogni scontro è colui il quale è disposto a morire che guadagnerà un centimetro, e io so che se potrò avere una esistenza appagante sarà perché sono disposto ancora a battermi e a morire per quel centimetro".

Un discorso da chi crede di partire in guerra, ma sembra che ormai la guerra sia solo la sua e quella tutta interna al Movimento.  
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...