"Occhio a Listeria", torta ricotta e pera via dal mercato: sintomi e rischi

11 marzo 2017 ore 15:52, Adriano Scianca
Nel 2015 era toccato al “Girellone” venduto nella rete Coop. Ora, per lo stesso motivo, il ministero della Salute lancia l'allarme sulla torta ricotta e pera del marchio Dolce Voglia. Con un comunicato ufficiale diffuso sul proprio sito, il ministero ha diramato un richiamo che riguarda tutto il territorio nazionale e nello specifico interessa il lotto P1190/16 della confezione da 1300 grammi con scadenza minima 30.09.17 della torta ricotta e pera della Dolce Voglia. 

'Occhio a Listeria', torta ricotta e pera via dal mercato: sintomi e rischi

Chiunque abbia acquistato una confezione del lotto specificato viene di conseguenza invitato a non consumare la torta ma a restituirla al punto vendita. “Il prodotto non deve essere assolutamente consumato. Motivo del richiamo: Listeria monocytogenes. Se si possiede una confezione di torta ricotta e pere intera o iniziata si prega di riportarla all'esercente”. Listeria monocytogenes è un batterio presente nel suolo, sull'acqua e nella vegetazione. Esso può contaminare diversi alimenti, tra cui latte, verdura, formaggi molli, carni poco cotte, ed è responsabile della Listeriosi. Fra i sintomi e i segni clinici (a seconda della tipologia) di questa malattia ritroviamo: febbre alta, endocardite, osteomielite, colecistite, peritonite, meningite, paralisi dei nervi cranici, perdita motoria. 

Quando si superano i limiti consentiti scatta subito l'allerta e il conseguente ritiro del prodotto dal mercato perché le persone immunodepresse rischiano seriamente di ammalarsi. Nei pazienti immuno-compromessi la malattia può evolvere in modo molto più grave con setticemia e meningite. Nelle donne in gravidanza la malattia può portare a complicanze anche gravi per la gestazione. I primi sintomi si possono rilevare anche a distanza di 70-90 giorni dall’assunzione di cibo contaminato. 
#listeria #ricottaepere #dolcevoglia
caricamento in corso...
caricamento in corso...