Vaccino anti-raffreddore, effetto guscio sulle mucose

12 gennaio 2017 ore 11:19, Andrea Barcariol
Un vaccino che protegge dal raffreddore. Lo ha ideato un ricercatore dell'università di Vienna che lo ha brevettato.
L'ideatore, Rudolf Valenta, in un'intervista all'Independent ha spiegato come, entro 6 anni, potrebbe essere messo in commercio. "Abbiamo preso alcuni frammenti del guscio attaccandoli ad una proteina di trasporto. E' un principio molto vecchio, 'riprogrammare' la risposta immunitaria sull'obiettivo giusto". La ricerca, sottolinea Valenta, è in fase avanzata. "Con la prima proteina che abbiamo costruito abbiamo una inibizione molto buona della malattia - afferma -, siamo convinti di essere sulla buona strada. Se riusciremo ad avere i fondi per i test clinici possiamo metterlo a punto in sei-otto anni". Il sistema immunitario, spiega Rudolf Valenta, che ha oltre 200 pubblicazioni sull'argomento, non riesce a combattere i rinovirus, i principali responsabili del raffreddore, perchè si concentra sul centro del virus, che è passibile di mutazioni. Al contrario il vaccino messo a punto ha come obiettivo il guscio protettivo del microrganismo, che si ancora alle mucose della bocca, del naso e della gola e nello stomaco favorendo l''aggressione', e che non varia tra i diversi ceppi.

Vaccino anti-raffreddore, effetto guscio sulle mucose
Come si cura un raffreddore? Due i consigli classici ma sempre utili: bere molti liquidi caldi che aiutano a sciogliere il muco nei seni paranasali affinché possa scorrere con maggiore facilità e fare docce e bagni caldi perché il vapore idrata le cavità nasali, diminuendone così l'irritazione. Ha anche un effetto rilassante, quindi allevia i sintomi del raffreddore.



 
caricamento in corso...
caricamento in corso...