Sigarette elettroniche, due studi: dannose per Dna o anti-dipendenza

13 giugno 2017 ore 12:38, Stefano Ursi
Secondo uno studio dei chimici dell'Università di Connecticut le sigarette elettroniche potrebbero essere potenzialmente dannose come le sigarette contenenti tabacco. Utilizzando un nuovo dispositivo di test a stampa 3D, i ricercatori di della UConn hanno affermato che le sigarette elettroniche caricate con un liquido a base di nicotina potrebbero essere potenzialmente dannose come le sigarette non filtrate in relazione a danni al Dna. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista ACS Sensors. Gli scienziati della UConn hanno deciso di esaminare se i prodotti chimici delle sigarette elettroniche possano causare danni al DNA umano tramite la sperimentazione di un nuovo dispositivo di screening elettro-ottico sviluppato nel loro laboratorio.

Sigarette elettroniche, due studi: dannose per Dna o anti-dipendenza
Il piccolo dispositivo stampato a 3D, spiegano i ricercatori, si ritiene sia il primo del suo genere in grado di individuare rapidamente il danno del DNA o la genotossicità nei campioni ambientali del campo. Il danno al Dna dipenderebbe dalla quantità di vapore che l'utente inala, dagli altri additivi eventualmente presenti e se viene utilizzato o meno liquido a base di nicotina, Così Karteek Kadimisetty, autore principale dello studio: ''Dai risultati del nostro studio, possiamo concludere che le e-sigarette hanno il maggior potenziale per causare danni al DNA come sigarette regolari non filtrate". Nello stesso lasso di tempo viene pubblicata un'altra ricerca relativamente alle sigarette elettroniche; secondo i ricercatori della Penn State College of Medicine le persone che usano regolarmente sigarette elettroniche sono meno dipendenti dal loro prodotto rispetto a quelle che usano regolarmente sigarette tradizionali.

I risultati, spiegano gli autori, suggeriscono che le sigarette elettroniche causerebbero una minore dipendenza dalla nicotina rispetto alle sigarette tradizionali. Tutti i partecipanti inclusi nell'analisi sono stati considerati dipendenti a causa della loro regolarità di utilizzo. Ma l'autore principale dello studio, Guodong Liu, assistente professore di scienze della salute pubblica, ha dichiarato che i risultati indicavano che gli utenti di sigarette elettroniche erano relativamente meno dipendenti dagli utilizzatori di sigarette. "Non c'è dubbio, le sigarette elettroniche portino a dipendenza, ma non allo stesso livello delle sigarette tradizionali", ha detto Liu. "Questa sarà la prima volta che saremo in grado di guardare questo fenomeno longitudinalmente", ha detto Liu. "Quasi tutte le indagini sono state trasversali, il che significa che erano solo istantanee".

#sigarette #elettroniche #studi #dna
autore / Stefano Ursi
caricamento in corso...
caricamento in corso...