Nuovo piano vaccini, cosa cambia nel SSN: per chi e dove sono gratis

14 gennaio 2017 ore 11:08, Micaela Del Monte
L'SSN (Sistema Sanitario Nazionale) ha deliberato il nuovo Piano Nazionale Vaccinale 2017-19 che prevede nuovi vaccini gratis. Pneumococco, anti meningococco, zoster, varicella, anti papillomavirus, sono questi i vaccini aggiunti al nuovo Piano. Alcuni dei vaccini aggiunti verranno estesi anche all’altro sesso, come prevede l’anti papillomavirus. Altri saranno estesi a tutta la popolazione ed altri ancora, riservati ad alcune regioni, saranno disponibili a livello nazionale.
Lo scopo di questa decisione è il fatto di garantire una copertura il più possibile omogenea a tutti gli italiani, insieme a regole di prevenzione personale che spesso ci si dimentica di eseguire.

Nuovo piano vaccini, cosa cambia nel SSN: per chi e dove sono gratis
Per i più piccoli
, ad esempio, il vaccino contro il meningococco di tipo B sarà disponibile in forma gratuita, mentre ora ci sono diverse regioni che richiedono il pagamento. Questo vaccino è fondamentale, perché in sua assenza il bambino potrebbe contrarre la meningite, con danni molto seri se non letali per la sua vita. Altro vaccino importante è quello contro il rotavirus, responsabile di gastroenteriti che possono portare a conseguenza molto gravi, soprattutto quando il bambino ha pochi mesi. Il vaccino della varicella si potrà invece ricevere dai 13 ai 15 mesi di vita insieme a quello per parotite, rosolia e morbillo. Anche in questo caso la gratuità viene estesa in tutte le Regioni (in precedenza solo in 8 era gratis).

Gli adolescenti dovranno invece vaccinarsi contro il Papillomavirus, vaccino previsto solamente per le ragazze. Questo virus può provocare tumori alla bocca e alla cervice dell’utero. Per diminuire i casi, sarà disponibile anche per i ragazzi. Altro vaccino importante il meningo tetravalente, che proteggerà l’organismo dal meningocco di tipo A, C, W e Y.
Per quanto riguarda gli anziani, si cerca di debellare il Fuoco di Sant’Antonio, detto in ambito medicinale Zoster. Questo disturbo causa molto spesso delle nevralgie, che mettono in serio pericolo la vita del paziente. Infine, sarà esteso a tutta la popolazione oltre i 65 anni di età il pneumococco, contro la polmonite e meningite.

Per le vaccinazioni anti-DTPa (Difterite-Tetano-Pertosse acellulare), poliomielite, Epatite B, Haemophilus influenzae di tipo b, l’obiettivo è di raggiungere una copertura del 95%. Una copertura del 90%, invece, è auspicata per la vaccinazione DTPa negli adolescenti all’età di 14-15 anni. Una copertura del 95% è tra gli obiettivi della vaccinazione Mpr (morbillo, parotite e rosalia). Stessa percentuale per la copertura delle vaccinazioni antipneumococcica e antimeningococcica, nonché per quelle contro la varicella e il rotavirus nei nuovi nati. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...