Un'ora di corsa regala 3 anni in più: nei piedi l'elisir di lunga vita

15 aprile 2017 ore 13:47, Americo Mascarucci
Per un’ora di corsa si guadagnano circa sette ore in più di vita. E’ quanto dimostra uno studio americano condotto dall’Università dell’Iowa e pubblicato sulla rivista Progress in Cardiovascular Disease. Una persona che fa regolarmente sport potrebbe dunque aspirare a ottenere tre anni di vita in più.
Un'ora di corsa regala 3 anni in più: nei piedi l'elisir di lunga vita

LO STUDIO - Gli scienziati hanno rilevato che correndo due ore a settimana, ad esempio, nell'arco di 40 anni la vita si allungherebbe di 3,2 anni, con un guadagno netto di 2,8 anni. 
I dati raccolti dimostrano che la corsa abbatte del 40% il rischio di morte prematura.
Ma la conclusione più interessante alla quale sono giunti gli studiosi americani è a proposito della relazione tra le ore corse e le ore di vita aggiunte. Ad ogni ora di corsa corrisperebbero sette ore di vita in più anche se questo ci tengono a chiarire i ricercatori non significa che aumentando le ore di corsa si riesca poi a campare più anni. Gli esperti hanno infatti chiarito di aver scoperto solo una correlazione tra corsa e longevità e non una prova effettiva del fatto che correre possa allungare la vita.  
La ricerca della Iowa State University è il follow up di una precedente sperimentazione che, incrociando i dati medici con quelli fisici dei partecipanti, era giunta alla conclusione che soli cinque minuti di corsa al giorno fossero sufficienti per aumentare l'aspettativa di vita. Le ragioni per le quali la corsa viene considerata la disciplina più potente nell'allungare la vita sono i suoi effetti antagonisti a molti dei rischi di morte prematura come, specie nella mezza età, ipertensione e sovrappeso. Inoltre aumenta la capacità aerobica, ben nota per essere un indicatore della salute a lungo termine.

EFFETTI COLLATERALI - Attenzione però perché la corsa ha anche effetti indesiderati. Ecco perché gli autori dello studio tengono a precisare che comunque questo esercizio fisico compete solo a chi non ha pastologie incompatibili con questo tipo di attività. La pensano ad esempio diversamente i ricercatori americani – James H. O’Keefe del Sain Luke’s Health System (Kansas City) e Carl J.Lavie del John Ochsner Heart and Vascular Institute (New Orleans) per i quali non sempre vale la regola che correre di più allungherebbe la vita. Ad essere rischiosi infatti sono i danni indotti da un’estrema e prolungata attività aerobica, che può addirittura cancellare i vantaggi di un regolare esercizio fisico moderato. Un eccessivo esercizio a lungo termine può infatti accelerare a detta dcegli esperti l’invecchiamento del cuore, aumentando il rilascio di radicali liberi, come suggerisce uno studio pubblicato su Heart. La ricerca ha preso in esame le connessioni tra l’insorgere di disturbi coronarici del cuore e la pratica costante di attività fisica intensa della durata di 30 o 60 minuti su 60 pazienti di sesso maschile. I risultati rivelano che una sessione di allenamento di 30 minuti è in grado di migliorare l’elasticità delle arterie e di produrre livelli minimi di stress ossidativo e che, al contrario, esercitarsi per un’ora aumenta lo stress ossidativo e peggiora la rigidità vascolare, in particolare negli individui di età superiore ai 50 anni.
Insomma come in tutte le cose, correre fa bene, allunga la vita ma senza esagerare. Meglio correre con moderazione e tenendo sotto controllo il cuore. 

#corsa #ore #vita

caricamento in corso...
caricamento in corso...