Droni salvavita: il defibrillatore arriva prima dell'ambulanza

16 giugno 2017 ore 13:56, Luca Lippi
I droni come sistema di pronto intervento sanitario. Non è una frontiera, ma è già realtà. I droni sono sempre di più e in prospettiva aumenteranno ancora, tra meno di dieci anni almeno 7,5 milioni sorvoleranno case e teste degli europei, e solo in ambito civile. Oltre essere un business miliardario in crescita, è anche un’opportunità per tantissimi settori. Uno di questi è sicuramente il settore del pronto soccorso sanitario.
I ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia hanno dimostrato come un drone equipaggiato con un defibrillatore arriva a destinazione entro 5 minuti dal suo lancio. Dotare i velivoli robotizzati di un defibrillatore, da usare per soccorrere con velocità le persone in arresto cardiaco è detrminante.
Droni salvavita: il defibrillatore arriva prima dell'ambulanza
I dati chiariscono la validità dell’utilizzo - ogni anno le vittime di infarto sono più di sei milioni. Molti di questi non sarebbero mortali se l’intervento medico fosse tempestivo. Gli studiosi svedesi, analizzando l’aerea attorno a Stoccolma, si sono accorti che in media passano quasi trenta minuti prima dell’arrivo dell’ambulanza. Un intervallo di tempo enorme, che non lascia speranza in caso di arresto cardiaco. Infatti, stando ai ricercatori del Karolinska Institutet, passati questi minuti le chance di salvare una vita umana sono pari a zero. Così hanno deciso di provare a sostituire le ambulanze con un drone.

I test col drone - degli scienziati svedesi hanno dimostrato che un drone arriva sul posto più velocemente. Il velivolo robotizzato, equipaggiato con un defibrillatore, è stato in grado di raggiungere l’obiettivo in appena 5 minuti da quando è stato lanciato (i ricercatori hanno condotto in tutto 18 voli), mentre una normale ambulanza per coprire lo stesso tragitto ce ne mette 22. Un lasso di tempo importantissimo, considerando che in presenza di arresto cardiaco ogni secondo passato diminuisce le probabilità di sopravvivenza. 

Chi sarà in grado di utilizzare il defibrillatore? - Gli studiosi hanno anche a questo! Il dispositivo robotizzato sarà dotato con degli speaker in modo tale da fornire assistenza ai soccorritori su come usare il defibrillatore. Il sistema svedese è ancora in fase di sperimentazione. I ricercatori sperano, comunque, di far entrare il drone in servizio entro un paio di anni.

La Ue deve fare la sua parte – il problema però è di gestione. L’Unione europea corre ai ripari, con la strategia industriale per il settore che intende regolamentare l’utilizzo dei droni nello spazio aereo fino a 150 metri di altezza. Si vuole dare certezza normativa entro il 2019, così da gestire i prodotti di un mercato sempre più strategico.
L’aviazione civile per i droni - Torri di controllo, radar ed enti per l’aviazione. Al posto degli aerei, però, verranno gestiti i piccoli oggetti volanti. L’Ue vuole sicurezza di bassa quota buona quanto quella di alta quota. Il libro blu invita quindi a sviluppare un sistema simile a quello della gestione del traffico aereo per l’aviazione con equipaggio. Il blueprint messo a punto da Commissione europea e Sesar, altro non è che la strategia per il settore, con le azioni da intraprendere. 
Il sistema servirà a fornire informazioni al fine di evitare ostacoli o collisioni tra droni. Non si pensa di costruire una rete nuova, ma di estendere quella esistente alle nuove esigenze. Anche al fine di “ridurre al minimo i costi” e velocizzare le pratiche per garantire un libero sviluppo della tecnologia sempre più necessaria anche in campo sanitario. Sesar e Commissione Ue suggeriscono di sfruttare al massimo quanto possibile i servizi aeronautici esistenti e le infrastrutture, nonché quelle di altri settori, quali i servizi di comunicazione mobile. 

#Drone #Robot #defibrillatore #Sesar #Blueprint 

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...