Caso "Report": i nodi scientifici sui vaccini anti-hpv da sciogliere

20 aprile 2017 ore 10:10, intelligo

di Eleonora Baldo


I vaccini tornano nell’occhio del ciclone trascinando con sé nella bufera anche la trasmissione Rai “Report”. Ad accendere la discussione questa volta, il servizio che la trasmissione d’inchiesta ha realizzato sulla vaccinazione contro il papilloma virus. 


I FATTI - Secondo le accuse mosse dai membri el Board del Calendario della Vita  - Fausto Francia, presidente della Società Italiana di Igiene (SItI); Alberto Villani, presidente della Società Italiana di Pediatria (SIP); Silvestro Scotti, segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale (FIMMG), Giampietro Chiamenti, presidente della Federazione Italina Medici Pediatri (FIMP) e Pasquale Giuseppe Macrì, consigliere nazionale Sindacato italiano specialisti di medicina legale e delle assicurazioni (SISMLA) - il servizio d’inchiesta condotto da Report sarebbe reo di innumerevoli imprecisioni e conterrebbe numerose informazioni distorte sull’argomento, ingenerando nello spettatore una sensazione di insicurezza e sfiducia nei confronti del sistema farmaceutico e del sistema Salute italiano certamente dannoso. i “23 minuti di terrore” - così come sono stati definiti dai membri del Boars - avrebbero vanificato "lo sforzo della sanità pubblica e delle società scientifiche nel divulgare messaggi positivi sulle pratiche di prevenzione” - diffondendo “comunicazioni giornalistiche distorte come questa, pagata con i soldi di tutti i contribuenti attraverso il canone Rai. Crediamo che il diritto alla salute dei cittadini italiani meriti più attenzione e rispetto da parte di chi governa il servizio pubblico radiotelevisivo. Per parte loro, gli autori del servizio dovrebbero interrogarsi sul danno alla salute futura da loro provocato a tanti giovani per la grave disinformazione deliberatamente diffusa”. 


I DUBBI - Tuttavia le perplessità nei confronti della vaccinazione contro il papilloma virus animano la comunità scientifica da anni, dividendo i suoi esponenti tra pro e contro vaccino anti-HPV. Sotto la lente d’ingrandimento, almeno per i medici di base francesi - 1 su dieci su un campione di circa mille - sarebbe la presenza all’interno dei siero vaccinale di sali di alluminio, giudicati dannosi per la salute a fronte di vantaggi, in termini di prevenzione del tumore della cervice, ritenuti marginali. (leggi qui)

Ulteriori dubbi sull’efficacia e la necessità del vaccino riguardano la mancanza di dati certi, che saranno disponibili solo a partire dal 2021, quando verranno sistematizzati quelli delle prime tranches di vaccino effettuate. 

LE PETIZIONI - Situazione di generale incertezza, rispecchiata anche dalle numerose petizioni che popolano la rete richiedendo l’abolizione dello stesso. Da Sanevax che si è rivolta persino all’Ema per richiederne la sospensione, dopo che molte donne avevano riportato danni gravi a seguito della vaccinazione a quello di terranuova.it che nella sua petizione online  per riassume i principali motivi alla base della richiesta di moratoria per almeno 3 anni come di seguito:


1. mancano informazioni corrette ed esaustive sui reali effetti indesiderati di questa vaccinazione

2. stanno diventando sempre più numerose le segnalazioni di gravi danni da vaccino anti HPV nel mondo;

3. mancano completamente informazioni sulla durata della protezione e sulla reale capacità di prevenire veramente il carcinoma del collo dell'utero;

4. non sappiamo ancora come si modificheranno i numerosissimi tipi di HPV in risposta allo stimolo vaccinale: gli altri tipi virali ancora non coperti da vaccino diventeranno ancora più cancerogeni?

5. mancano studi clinici longitudinali condotti da ricercatori indipendenti dalla case farmaceutiche sull'efficacia del vaccino.

6. il più efficace sistema di prevenzione esiste già ed è; il Pap-Test che può dare risposte su tutti i tumori dell'utero di qualsiasi eziologia. 


Siamo certi che il dibattito rimarrà aperto ancora a lungo, nel frattempo ci auguriamo che i progressi scientifici riescano a fugare tutti i dubbi sulla questione, esponendo al massimo dei benefici i fruitori dei vaccini. 


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...