Piano Nazionale vaccini 2017-19 al via: aumentano quelli gratis

20 gennaio 2017 ore 15:26, Anna Lisa Renoldi
È arrivato il via libera dalla Conferenza delle Regioni al Piano nazionale vaccini 2017-2019 e già nelle prossime settimane sarà operativo. Più graduale l’entarta in servizio permanente della gratuità, soprattutto nelle 8 Regioni in piano di rientro dai deficit sanitari (Piemonte, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia).
Queste Regioni, per carenza di fondi finiranno per procedere più lentamente nell’applicazione del nuovo calendario vaccinale. In ogni caso, nonostante qualche rallentamento fisiologico, si punta decisi a mantenere lo stato di “polio-free” e a raggiungerlo anche per morbillo e rosolia. 
Tutto questo assicurando la totale gratuità per una raffica di vaccini. Quelli contro pneumococco, herpes zoster (noto come fuoco di sant’Antonio), rotavirus, papilloma virus nei maschietti e il temutissimo menigococco di ceppo B, che causa una delle forme più insidiose di meningite. Gratuiti saranno anche i richiami contro altri quattro ceppi di menigococco (A, C, Y e W) e quelli contro la polio, debellata in Italia ma tornata a farsi minacciosa nella aree più povere del mondo. 

Piano Nazionale vaccini 2017-19 al via: aumentano quelli gratis

Una copertura adeguata sarebbe già assicurata dalla Conferenza che avrebbe calcolato disponibilità per 100milioni già per quest’anno, 127 milioni per il prossimo anno e dal 2019 in poi si andrà stabilmente a una spesa di 186 milioni di euro.
Spiega Antonio Saitta, coordinatore della commissione Salute per la Conferenza delle Regioni : “Chiediamo che quando saranno ripartite le risorse di cui alla legge di Bilancio, sia definita con puntualità la tempistica del calendario vaccinale”. Enrico Rossi, governatore della Toscana, spiega: “Il Piano vaccini è una buona cosa che doveva essere fatta anche prima. Forse non si dovevano criminalizzare i vaccini antinfluenzali come avvenne qualche anno fa. L’inizio della catastrofe è iniziata lì; poi per recuperare ci vuole pazienza, determinazione e volontà”.
Stefano Bonaccini, presidente della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, ha dichiarato: “è una giornata importante per l’affermazione della politica di prevenzione nel nostro Paese, Abbiamo dato l’intesa al piano vaccini, sul quale in realtà ci eravamo già espressi positivamente a novembre 2015, con un duplice obiettivo. Da un lato mantenere l’attuale copertura rispetto alla Polio, cercare di sconfiggere definitivamente morbillo e rosolia. Dall’altro allargare le vaccinazioni per alcune fasce della popolazione penso a pneumococco e zoster per gli anziani e anti meningococco negli adolescenti, Rotavirus e varicella per i bambini”.

caricamento in corso...
caricamento in corso...