Eterocefalo glabro alla X-men: si "trasforma" in pianta e resiste al dolore

21 aprile 2017 ore 23:59, Andrea Barcariol
Possono sopravvivere in assenza di ossigeno 'trasformandosi' in una pianta. Sono le talpe senza pelo o eterocefalo glabro (Heterocephalus glaber), piccoli roditori, quasi ciechi, che vivono in grandi colonie sotterranee sovraffollate. La scoperta è degli zoologi dell'Università dell'Illinois di Chicago, coordinati da Thomas Park, che hanno capito come l'animale riesca a sopravvivere con bassissime concentrazioni di ossigeno e resistere fino a 18 minuti in totale assenza (un uomo è in grado di resistere solo pochi minuti).

Eterocefalo glabro alla X-men: si 'trasforma' in pianta e resiste al dolore
Le talpe, infatti, in caso mancanza di ossigeno cominciano a consumare fruttosio, proprio come fanno i vegetali. La scoperta, pubblicata sulla rivista Science potrebbe aiutare a sviluppare trattamenti e farmaci per proteggere le cellule cerebrali in caso di infarto o ictus. In pratica l'eterocefalo glabro è in grado di attivare un 'sistema di emergenza'.

L'animale avrebbe sviluppato questa caratteristica in risposta all'habitat africano in cui vive: cunicoli scavati fino a 100 metri di profondità dove la ventilazione è scarsissima. Inoltre, gli esemplari si ammassano gli uni sugli altri per tenersi al caldo nel cuore delle lunghissime tane, riducendo ulteriormente l'apporto di ossigeno.
L'eterocefalo glabro presenta anche altri ‘super poteri', come l'incredibile resistenza al dolore e il fatto che la specie sia praticamente immune al cancro. Gli studiosi americani coordinati dal professor Thomas Park hanno scoperto il segreto metabolico della specie attraverso una serie di esperimenti, determinando che essa riesce a metabolizzare il fruttosio anche nel cuore e nel cervello, a differenza degli altri mammiferi che si limitano all'intestino. Non solo. La talpa nuda è incredibilmente longeva per le sue dimensioni. Può vivere infatti fino a 30 anni, molto di più rispetto ad altri animali delle sue dimensioni: un ratto, ad esempio, può raggiungere al massimo i 4-5 anni.

#talpanuda #ossigeno #eterocefaloglabro

caricamento in corso...
caricamento in corso...