Tutto sul batterio killer che dà mal di stomaco e fa perdere mani e piedi

22 marzo 2017 ore 11:20, Americo Mascarucci
Ha fatto il giro del mondo il caso del 44enne Kevin Breen, del Michigan. Ricoverato in ospedale per un forte mal di stomaco è uscito con le mani e i piedi amputati. Quella che i medici sul principio avevano sospettato essere un'appendicite e in seguito, fatti gli esami preliminari, era sembrata una semplice nausea si è poi rivelata una pericolosissima infezione batterica. 
L'uomo infatti è in realtà risultato affetto da una grave infezione da streptococco alla gola, che aveva già raggiunto ogni parte del suo corpo. Lo stomaco, infatti, si era gonfiato di pus e il batterio si stava diffondendo sempre di più, fino a bloccare la circolazione del sangue e provocare una necrosi a mani e piedi. I medici a quel punto non hanno avuto altra scelta che amputare tutti e quattro gli arti.
Ma asdiamo a scoprire che tipo di batterio ha provocato danni così gravi all'uomo.

LA FARINGITE STREPTOCOCCICA
Detta anche tonsillite da streptococco o mal di gola da streptococco, è un tipo di faringite provocata da una infezione da streptococco di gruppo A. Essa colpisce la faringe con le tonsille e, occasionalmente, la laringe. I sintomi più comuni sono febbre, mal di gola e ingrossamento dei linfonodi. È la causa del 37% dei mal di gola tra i bambini e del 5-15% tra la popolazione adulta.
La faringite da streptococco è un'infezione contagiosa e si sviluppa attraverso la stretta vicinanza a un individuo infetto. Una diagnosi definitiva può essere effettuata sulla base dei risultati di una coltura ottenuta con la raccolta di un tampone faringeo. Tuttavia, questo non è sempre necessario poiché il trattamento può essere deciso sulla base dei segni e dei sintomi. In casi altamente probabili o confermati, gli antibiotici sono utili tanto per prevenire le complicanze quanto per aumentare la velocità di guarigione.
Tutto sul batterio killer che dà mal di stomaco e fa perdere mani e piedi

LE CAUSE
Le infezioni streptococciche sono causate da un gruppo di batteri chiamati streptococchi; ne esistono diversi tipi e le conseguenze variano da lievi mal di gola a infezioni potenzialmente mortali del sangue o di organi.
Gli streptococchi si dividono in due gruppi principali:
alfa-emolitici, comprendente due gruppi, tra cui lo Streptococcus pneumoniae,
beta-emolitici, costituito da vari gruppi, tra cui gli streptococchi gruppo A e gruppo B.
Il gruppo A causa:
Angina (o faringite) streptococcica, con gola dolente e rossa. Le tonsille possono essere gonfie con delle chiazzette bianche.
Scarlattina, una malattia che segue l’angina streptococcica. Causa un rossore diffuso (esantema) sul corpo.
Impetigine, un’infezione della pelle.
Sindrome da shock tossico.
Cellulite e fascite necrotizzante (malattia dei batteri “mangia-carne”).
Il gruppo B può causare infezioni del sangue, polmoniti e meningiti nei neonati. Un esame permette di stabilire durante la gravidanza se la donna sia portatrice del batterio. In questi casi la somministrazione di antibiotici endovena durante il travaglio può salvare la vita al neonato. 
Anche gli adulti possono contrarre infezioni dal gruppo B, specialmente se anziani o già affetti da altri problemi di salute. Il gruppo B può causare infezioni del tratto urinario, del sangue, della pelle e polmonite negli adulti.

I SINTOMI
Ecco i sintomi più comuni che possono permettere di riconoscere un'infezione di streptococco alla gola:
dolore alla gola che non scompare del tutto neppure con gli antidolorifici o farmaci;
dolore in fase di deglutizione ;
alito cattivo
linfonodi del collo gonfi e sensibili al tatto
lingua ricoperta di minuscoli puntini rossi (come una fragola)
petecchie (macchie rosse) sul palato molle e duro
tonsille infiammate (più rosse del solito)
mal di testa associato e velocità di peggioramento
febbre (di solito supera i 38° gradi di temperatura)
nausea
perdita di appetito
spossatezza
eruzione cutanea
dolore alle orecchie
Proprio come avvenuto al protagonista della vicenda che è stato colpito da forti nausee. Una prontezza d'intervento avrebbe potuto evitare l'amputazione degli arti? Ma soprattutto, come e quando l'uomo ha contratto il batterio?

#maldistomaco #maniepiedi #batterio

caricamento in corso...
caricamento in corso...