Sclerosi multipla, un farmaco "protegge" la mielina: l'Ocrelizumab

23 dicembre 2016 ore 9:06, Adriano Scianca
Ocrelizumab: il nome è difficile, ma c'è da credere che i malati di sclerosi multipla lo imparino bene. Il farmaco, infatti, ha dimostrato di poter rallentare i danni al cervello provocati dalla malattia. In particolare, una ricerca pubblicata sul New England Journal of Medicine rivela i successi ottenuti sulla base di esperimenti svolti su 700 individui in tutta Europa e negli Stati Uniti. Il medicinale avrebbe dimostrato di avere effetti benefici anche in quei casi di sclerosi multipla che si presenta con attacchi distinti a distanza di tempo tra uno e l’altro. 

Sclerosi multipla, un farmaco 'protegge' la mielina: l'Ocrelizumab

L’ocrelizumab è il primo farmaco in assoluto che avrebbe dimostrato di ridurre la progressione tipica della sclerosi multipla e rappresenta una vera e propria speranza di trattamento efficace per coloro che sono affetti dalla forma primaria e che quindi potrebbero vedere rallentato il peggioramento dei sintomi. L’ocrelizumab agisce sulle cellule immunitarie B, frenando la loro azione aggressiva alla guaina protettiva dei nervi, la mielina. Assunto per via endovenosa, il farmaco è stato accettato per la revisione ai fini del suo utilizzo, dall’Agenzia Europea per i medicinali e dalla Food and Drug Administration. 

Sempre riguardo alla sclerosi multipla, è stato pubblicato sul sito della rivista scientifica Wellcome Open Research uno studio inglese intitolato “L’emoglobina nel siero circolante è associata ad atrofia cerebrale nella sclerosi multipla secondariamente progressiva”. Secondo alcuni ricercatori del prestigioso Imperial College di Londra, una delle principali cause di disabilità nella sclerosi multipla secondariamente progressiva (SMSP) è la progressiva atrofia cerebrale, la cui patogenesi non è stata pienamente compresa. L’obiettivo di questo studio era di identificare i biomarcatori proteici dell’atrofia cerebrale nella sclerosi multipla secondariamente progressiva.
caricamento in corso...
caricamento in corso...