Contro il "Fuoco di Sant'Antonio" c'è un vaccino sconosciuto, quando farlo

27 settembre 2017 ore 13:51, Orietta Giorgio

Avete mai sentito parlare del “Fuoco di Sant’Antonio”? Sembra una figura mitologica invece è una malattia, anche piuttosto dolorosa. Secondo un’indagine di DoxaPharma, i pazienti con nevralgia post-erpetica, la principale complicanza del Fuoco di Sant’Antonio (o Herpes Zoster), vivono un’esperienza drammatica: è come entrare in un tunnel in cui non si vede la fine. Nel nostro Paese si registrano 157 mila nuovi casi ogni anno, 18 casi ogni ora.  


Contro il 'Fuoco di Sant'Antonio' c'è un vaccino sconosciuto, quando farlo


COS’E’ L’ERPES ZOSTER: Si tratta di una malattia che colpisce il nervo sensitivo e la cute circostante. È causato dalla riattivazione del virus Varicella-Zoster (VZV). La malattia è caratterizzata da una eruzione cutanea dolorosa con presenza di vescicole, solitamente limitata ad un lato del corpo, spesso in una striscia. (fonte wikipedia)


COME EVITARLO: In molti non ne sono al corrente ma esiste un vaccino anti Herpes Zoster ed è previsto dal nuovo Piano nazionale di prevenzione vaccinale, inserito nei Livelli essenziali d’assistenza (Lea).


QUANDO FARLO: E’ consigliabile nei soggetti di età superiore ai 50 anni di età. Viene somministrato in un’unica dose, è efficace e ben tollerato dall’organismo.


Sabrina Nardi, responsabile del Coordinamento nazionale delle Associazioni di Malati Cronici, presso Cittadinanzattiva onlus, ha in programma, nei prossimi mesi, una Campagna di prevenzione delle malattie oncologiche (#nonaspettare), ha commentato: “È fondamentale evitare, quando possibile, il dolore e le sofferenze alle persone, soprattutto più avanti negli anni. Il dolore deve essere prevenuto quando possibile, riconosciuto e trattato negli altri casi perché potrebbe compromettere la qualità della vita. Purtroppo esiste ancora una sorta di retaggio culturale riguardo al dolore, considerato come parte ineludibile della malattia, da sopportare. E invece rischia di limitare fortemente le attività quotidiane della persona e la sua indipendenza”.


Il vaccino anti Herpes Zoster in Italia, ricordiamo, è previsto dal nuovo Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale, inserito nei Livelli Essenziali d’Assistenza (LEA). Viene offerto gratuitamente ai 65enni. In farmacia il costo è di 160 euro, che scende a 80 euro se ci si rivolge alle ASL. 


#vaccino #fuocodisantantonio #erpeszoster

caricamento in corso...
caricamento in corso...