Iniezione di risparmio: prezzo unico della siringa vale 132 mln in più

28 gennaio 2017 ore 15:07, Adriano Scianca
Uno dei simboli della malasanità italiana sono da sempre le #siringhe. O, meglio, il loro #prezzo. Possibile che un oggetto di uso così comune negli ospedali non possa avere un prezzo chiaramente stabilito, variando da regione a regione, da città a città, da ospedale a ospedale? Ora, però, questo luogo comune cesserà di esprimere una verità. #Consip, la centrale di acquisti per la pubblica amministrazione italiana, ha chiuso le graduatorie per 15 tipi di prodotti, cioè vari aghi e siringhe. Per le siringhe ci sarà un #prezzounico, compreso tra 0,049 e 0,063 euro a pezzo a seconda della misura. 

Iniezione di risparmio: prezzo unico della siringa vale 132 mln in più

In questo modo è stato sborsato mediamente un prezzo inferiore al 50% rispetto a quello medio sostenuto fino ad ora dalle amministrazioni locali. Le casse dello Stato risparmieranno ben 132 milioni di euro. Fino a oggi infatti si spendevano 150 milioni l’anno. Con questo maxi appalto lo Stato ne spenderà 18. La legge prevede che le varie amministrazioni locali possano utilizzare i prezzi della gara Consip per fare i loro acquisti. Se si muovono in maniera autonoma, facendo una loro gara, devono comunque stare nei prezzi spuntati dalla stessa Consip. E' per questo che un risparmio si produrrà comunque. Per la siringa comune si è ottenuto un ribasso del 70% rispetto alla base d'asta, con un risparmio di circa 19 milioni. 

Con i fornitori aggiudicatari verrà stipulata una convenzione di fornitura, che potrà essere utilizzata dalle amministrazioni per i loro acquisti fino a un massimo di circa 850 milioni di "pezzi" (pari a circa il 50% del fabbisogno annuo della P.a. per le tipologie di aghi e siringhe messi a gara). Gli aghi e le siringhe fanno parte delle 14 categorie merceologiche per le quali il Dpcm del 24 dicembre 2015 prevede l'obbligo delle amministrazioni di ricorrere - in caso di esistenza di strumenti di approvvigionamento attivi - a uno dei 33 soggetti aggregatori (tra cui Consip) per i propri acquisti. "Abbiamo concluso una gara particolarmente complessa - commenta l'amministratore delegato di Consip Luigi Marroni - non tanto per il prodotto acquistato, quanto per l'articolazione della procedura. E' stata riservata massima considerazione sia agli elementi qualitativi dell'offerta, per dare alle pubbliche amministrazioni aghi e siringhe con standard di eccellenza, sia alle modalità di valutazione". 
caricamento in corso...
caricamento in corso...