Mandragora negli spinaci surgelati: lotti ritirati e rischi per la salute

04 ottobre 2017 ore 7:32, Eleonora Baldo
E’ stato spiccato ieri l’ultimo – in ordine di tempo – allarme del Ministero della Salute in relazione alla commercializzazione di alimenti a rischio. Con una nota del 3 ottobre, infatti, il dicastero ha segnalato la pericolosa presenza di mandragola, un’erba selvatica particolarmente velenosa, all’interno di alcune confezioni di spinaci prodotti da Gelabri Iberica Srl, e distribuiti in Italia da Bonduelle Srl.

Le confezioni “sotto accusa” sarebbero quelle di Spinaci Millefiori Surgelati, confezionati in buste da 750 grammi e appartenenti al lotto 15986504-7222 45M63 08:29. Nella nota del Ministero, si raccomanda pertanto di verificare se si è acquistata una o più confezioni di spinaci appartenenti al lotto incriminato e in caso affermativo di rivolgersi direttamente al punto vendita d’acquisto per la restituzione della busta e il ritiro dal mercato.

Mandragora negli spinaci surgelati: lotti ritirati e rischi per la salute

I RISCHI - I rischi per la salute derivanti dall’ingestione di mandragola, come si legge nel comunicato del Ministero infatti sono notevoli: si  va da stati di agitazione più o meno intensi, ad allucinazioni, sino nei casi più cruenti a convulsioni e stati comatosi, il tutto a causa della presenza di alcaloidi con azione anticolinergica nelle foglie della pianta.

I BENEFICI – Tuttavia, la mandragora ha anche degli insospettabili effetti benefici. Nello specifico la mandragora officinalis – questo il suo nome scientifico – pianta già nota e molto utilizzata sin dall’antichità per i suoi presunti effetti afrodisiaci e “anti-malocchio”, grazie alla presenza di principi attivi quali la scopolamina, l’atropina e la iosciamina, assunti nelle dosi adeguate, favorirebbe non solo il sonno – determinando uno stato simile alla fase REM – ma avrebbe anche significativi effetti analgesici in caso di dolori addominali e ai denti e influirebbe positivamente sulla vita sessuale degli individui, aumentando il desiderio sessuale, ragion per cui nell’antichità si credeva che l’assunzione di mandragora potesse aiutare a combattere la sterilità. Tra le principali patologie che possono essere curate con una oculata assunzione di mandragora in particolari diluizioni e sempre sotto controllo medico vi sono le nevralgie, la stipsi, la colite, stati di insufficienza epatica, l’ulcera, la gastroenterite, la gastrite, la tachicardia, l’aritmia, il vasospasmo l’emicrania e la cefalea.


#spinaci #mandragora #lotti

 

 

caricamento in corso...
caricamento in corso...