Powassan, allarme Usa per virus da zecche: riconoscere sintomi puntura

05 maggio 2017 ore 10:34, Stefano Ursi
Da giorni si parla del virus 'Powassan', trasportato dalle zecche e che potrebbe diffondersi in maniera importante negli Stati Uniti: la paura è tornata dopo un nuovo contagio la settimana scorsa in Connecticut su un neonato che ha subito danni neurologici. E ora si inizia a cercare di capire come, con la stagione estiva che sta per arrivare, potrebbero evolversi i contagi. Il timore degli scienziati negli Usa è però che, con l'avvicinarsi dell'estate, possa verificarsi una crescita esponenziale della trasmissione del virus Possawan, potenzialmente favorito, come molti altri virus, dai cambiamenti climatici che favoriscono la circolazione di insetti. Caldo, umidità, esposizione all'aria aperta e moltissimi altri fattori legati alla stagione potrebbero innescare un aumento esponenziale. C'è attenzione altissima, dunque, relativamente a questa infezione e alla sua diffusione, visti i potenziali effetti sulla persona; gli studiosi americani continuano a monitorare la situazione e ad analizzare zecche adulte, per capire quante di esse abbiano in sé il virus e come possano interagire con la popolazione.

Powassan, allarme Usa per virus da zecche: riconoscere sintomi puntura
una zecca
Il virus, hanno spiegato gli esperti, è aggressivo e può portare anche alla morte o a pesanti danni neurologici. Powassan, spiegano gli esperti, si trasmette in circa 15 minuti dal momento in cui la zecca si attacca alla pelle e inietta il virus, contro cui molti riescono a combattere e vincere, ma in altri casi le infiammazioni nella zona cerebrale risultano difficili da curare e nel 60% dei casi l'infezione può portare a morte o a problematiche neurologiche permanenti. Ed è dunque probabile che moltissime persone abbiano contratto l'infezione senza nemmeno accorgersene perché il corpo e l'organismo hanno risposto bene e lo hanno naturalmente debellato. Al momento, secondo quanto spiegano gli esperti d'Oltreoceano, non esiste cura o vaccino ma solamente terapie sperimentali, con il ricovero immediato di chi venga colpito dal virus, e ne manifesti i sintomi, per limitare gli effetti infiammatori nella zona cerebrale. Quando si viene punti da una zecca, spesso i sintomi non sono subuto chiari ed univoci, e soprattutto visibili: si capisce di essere stati punti solamente quando l'animale inizia a succhiare sangue e si ingrandisce. I sintomi attraverso cui riconoscere se una persona punta da zecca, al momento negli Usa, sia stata infettata dal virus Powassan sono, secondo quanto si legge sui media internazionali, febbre, vomito, difficoltà verbali, confusione mentale.

#Powassan #virus #Usa #zecche
autore / Stefano Ursi
caricamento in corso...
caricamento in corso...