Orrore a Ferrara, bimba morta nascosta in freezer: cosa ha detto la madre

10 giugno 2017 ore 13:07, Americo Mascarucci
"Non l’ho uccisa, è nata già morta. Ma non ricordo nulla". Si è difesa così, sostenendo di non ricordare i particolari agghiaccianti della vicenda che l'ha vista protagonista, la quarantenne di Migliarino indagata per omicidio aggravato e occultamento di cadavere per aver nascosto il corpicino della bimba appena nata dentro il freezer di casa.  Ha pronunciato queste poche parole e poi davanti al pm Isabella Cavallari e al capo della Mobile Andrea Crucianelli si è avvalsa della facoltà di non rispondere.
Orrore a Ferrara, bimba morta nascosta in freezer: cosa ha detto la madre

I FATTI - La donna si era presentata in ospedale a Cona con una emorraggia molto grave che rischiava di farle perdere la vita. Ai medici però non è sfuggito che la donna aveva avuto un aborto e che era incinta presumibilmente da 6 mesi. La donna ha poi riferito agli inquirenti di aver riposto la neonata nel freezer di casa dove è stata effettivamente rinvenuta. Adesso il corpicino della bimba sarà sottoposto ad autopsia per capire se sia nata già morta o sia morta in seguito e per quali cause. 
Ma sono tanti i punti su cui gli inquirenti vogliono fare chiarezza. Ma perché la madre non ha chiesto aiuto? E soprattutto, chi ha tagliato il cordone ombelicale che a detta dei medici non è avvenuto a seguito di aborto spontaneo? La donna stessa o qualcuno l'ha aiutata? Perché quel corpicino era nascosto nel freezer di casa?
La madre come detto si è avvalsa della facoltà di non rispondere, è ricoverata in ospedale in gravi condizioni. 
"Il Freezer - hanno riferito gli inquirenti - si trovava in uno sgabuzzino della casa piena di sacchi di spazzatura e mobili ammucchiati. Il congelatore era nascosto da mobili sul coperchio superiore, e nel corridoio di accesso vi erano altri mobili ad impedire di raggiungerlo come se qualcuno volesse tenerlo nascosto". Nonostante due giorni di ricerche della polizia, anche coi cani molecolari, nella casa il corpicino non si è trovato: solo quando la donna è stata svegliata ieri - sedata e intubata nel reparto di rianimazione dove si trova ancora, ma non è in pericolo di vita - ha potuto riferire di aver nascosto il bambino nel freezer assieme ad alimenti".
Dunque occorre attendere che le condizioni del corpicino siano le più adatte per iniziare gli accertamenti. Sempre gli inquirenti hanno poi riferito che  "il corpicino ancora in posizione fetale e riposto dentro il congelatore in una busta di plastica, misura 43 centimetri di lunghezza, che aumenterà nel momento in cui si potrà avere l'estensione del corpo. Era già formato e secondo le prime indicazioni era al 7/o-8/o mese. Pesava 3 chili"

#corpobimba #dentrofreezer #ferrara
caricamento in corso...
caricamento in corso...