Asti, uccide la moglie a coltellate e si costituisce: forse una lite fatale

10 ottobre 2017 ore 20:28, Micaela Del Monte
Era stata uccisa a coltellate sul balcone di casa ad Asti. Ora il marito, un 46enne di origini marocchine come lei, ha confessato il delitto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, avvisati dai vicini di casa che poco prima avevano udito delle urla. Pare che la donna stesse litigando col marito.

Asti, uccide la moglie a coltellate e si costituisce: forse una lite fatale
L'uomo dopo l'omicidio si è presentato dai carabinieri ed ha confessato di averla uccisa proprio al culmine di un litigio. Poi si è cambiato gli abiti e si è allontanato. I carabinieri, che lo hanno fermato, indagano ora sui motivi del gesto. L'uomo, un operaio, non aveva precedenti e viveva da 10 anni in Italia con la moglie con la quale si era sposato proprio ad Asti.  Lui operaio, lei casalinga e badante a ore, erano conosciuti dai vicini di casa coi quali andavano d'accordo e proprio i vicini che hanno raccontato di aver sentito qualche lite violenta l'estate scorsa.

Due i fendenti mortali che hanno ucciso la donna, uno all'addome e l'altro al torace, inferti con un coltello da cucina. All'arrivo dei militari la vittima era riversa a terra sul balcone, dove probabilmente si era trascinata per chiedere aiuto.
caricamento in corso...
caricamento in corso...