Omicidio Marilena Re, Clericò confessa senza movente: oggi nuove perquisizioni

20 settembre 2017 ore 12:12, Micaela Del Monte
Era scomparsa da casa lo scorso 30 luglio Marilena Rosa Re, la 58enne promoter di Castellanza (Varese) il cui corpo è stato trovato pochi giorni fa nell'orto dell'ex vicino di casa Vito Clericò, 65enne di Garbagnate Milanese. Ora, proprio il vicino che aveva indicato agli investigatori dove scavare, ha avrebbe confessato di aver ucciso Marilena.

Omicidio Marilena Re, Clericò confessa senza movente: oggi nuove perquisizioni
L'uomo ha infatti affermato di aver ucciso Marilena Re da solo e con alcuni utensili l'avrebbe poi decapitata. A mancare è invece il movente: Clericò infatti non ha fornito nessun particolare sul perché dell'omicidio. Anche se gli investigatori seguono la pista del denaro: il giorno della scomparsa della 58enne, infatti, i due avrebbero dovuto vedersi probabilmente per la restituzione di 90mila euro che la promoter varesotta aveva dato a Clericò e a sua moglie in custodia, per evitare che la somma venisse pignorata da Equitalia.

La coppia aveva invece dilapidato il patrimonio. L'indagato non ha nemmeno chiarito il perché la Re sia salita sulla sua auto quella mattina, come rivelano le immagini visionate dagli inquirenti, e che avvalorano le ipotesi fatte fin qui. L'uomo fino ad ora aveva sempre parlato del coinvolgimento di altre persone nel delitto, affermando di aver solamente occultato nel suo orto il cadavere della 58enne. I carabinieri continueranno oggi le perquisizioni nella casa della vittima e dell'accusato.
caricamento in corso...
caricamento in corso...