Delitto Ragusa, 20 anni per Antonio Logli: accolta richiesta Pm

21 dicembre 2016 ore 16:09, Americo Mascarucci
Venti anni per Antonio Logli nel processo con rito abbreviato nei confronti dell'uomo accusato della morte e della soppressione del cadavere della moglie Roberta Ragusa.
Accolta la richiesta del sostituto procuratore Mantovani che aveva chiesto la condanna a 30 anni di carcere (ridotti a 20 per la riduzione di un terzo prevista dal rito abbreviato) e l'applicazione  della misura cautelare in carcere. 
Il Pm ha motivato la richiesta di custodia cautelare in carcere con il pericolo di fuga e la reiterazione del reato.
Logli però in carcere non andrà perché i giudici hanno deciso per l'obbligo di dimora. 
Nel corso dell’udienza del 2 dicembre erano intervenuti i tre legali di parti civili che avevano appoggiato le richieste della Procura. 

Delitto Ragusa, 20 anni per Antonio Logli: accolta richiesta Pm
I difensori di Antonio Logli, Roberto Cavani e Saverio Sergiampietri avevano chiesto invece l’assoluzione per il loro cliente.  
Il processo con rito abbreviato è stato disposto il 18 novembre scorso dal gup del Tribunale di Pisa, facendo seguito alla decisione della Cassazione dello scorso 17 marzo, che aveva annullato la sentenza di proscioglimento di Logli pronunciata dall'allora Gup del Tribunale di Pisa, Giuseppe Laghezza, il 6 marzo 2015. 
La Suprema Corte aveva così accolto il ricorso della Procura di Pisa, disponendo una nuova udienza preliminare per decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio per omicidio volontario e distruzione di cadavere di Roberta Ragusa. 
Erano presenti in aula stamattina le 4 cugine della vittima.

caricamento in corso...
caricamento in corso...