Picchia moglie e si lancia dal tetto ubriaco. Magrebino ora rischia la vita

23 agosto 2017 ore 17:47, Giuseppe Tetto
Momenti di follia a Jesolo, in provincia di Venezia. Un migrante si getta dal tetto della sua abitazione dopo essersi barricato armato di coltello a causa di una violenta lite con la moglie. Magrebino di 40 anni, l’uomo in evidente stato alterato, è rimasto sul tetto per ore, minacciando di suicidarsi, fino a quando non ha deciso di concretizzare le sue minacce gettandosi da un'altezza di circa dieci metri. L'uomo è ora ricoverato in ospedale in gravi condizioni. A lanciare l'allarme alle forze dell'ordine sarebbero state la moglie e la sorella della donna. A nulla sono serviti i tentativi di mediazione messi in atto dai Carabinieri, ai quali aveva dato supporto una squadra dei vigili del fuoco. 

Picchia moglie e si lancia dal tetto ubriaco. Magrebino ora rischia la vita
LA FOLLE DECISIONE
Il marocchino ha continuato per ore a bere birra sotto il sole cocente e improvvisamente ha preso la rincorsa e si è lanciato dal tetto della sua casa di due piani. Immediato l'intervento dei soccorsi. L'uomo, quarantenne, è stato portato all'ospedale di Jesolo e quindi trasferito in elicottero all'Angelo di Mestre. Le sue condizioni sono gravi, ma non sarebbe in pericolo di vita. È alle prese con diversi traumi e fratture. Sono finite all'ospedale, in stato di choc, anche le due donne. Secondo quanto trapelato sarebbero state entrambe vittime di violenza. La moglie ha riportato pure una frattura. Intanto sono in corso le indagini dei carabinieri, per verificare se la versione riportata dalle due donne corrisponda effettivamente alla realtà. L'uomo era già noto alle forze dell'ordine per fatti legati alla droga.
caricamento in corso...
caricamento in corso...