Uccide a coltellate il compagno già indagato per violenze: "Io vittima"

23 giugno 2017 ore 10:41, Americo Mascarucci
"Mi picchiava sempre, tutti i giorni Quell’uomo aveva trasformato la mia vita in un incubo. Ero costretta a uscire di casa con gli occhiali e le sciarpe anche d’estate per coprire i lividi che mi procurava. Aveva un coltello in mano. Cosa dovevo fare? L’ho disarmato e mi sono difesa". Si è giustificata così Alessia Mendes, la brasiliana di 39 anni accusata dell'omicidio del compagno 35enne meccanico disoccupato. L'omicidio è avvenuto al Campasso di Sampierdarena. la donna avrebbe colpito l'uomo a coltellate.
Uccide a coltellate il compagno già indagato per violenze: 'Io vittima'

LA DINAMICA - La Polizia l'ha arrestata e lei, straziata per quanto avvenuto, avrebbe ammesso le proprie responsabilità ma spiegando agli inquirenti di aver agito per difesa. Pare che il compagno sia tornato a casa visibilmente alterato, forse dall'effetto di qualche droga e pare abbia cominciato ad inveire contro la donna con minacce ed offese. Poi, secondo quanto riferito dalla Mendes, ballerina di lap dance, avrebbe preso un coltello da cucina dirigendosi verso di lei per ucciderla. A quel punto, la brasiliana sarebbe riuscita ad afferrare il coltello, toglierlo all'uomo e quindi colpirlo. E' ciò che gli inquirenti stanno cercando di appurare.
La donna ha riferito di liti molto violente determinate soprattutto dalle gelosia dell'uomo, dal momento che lei era molto appariscente. Liti più volte sfociate in atti di violenza e soprusi con lei riempita di botte e costrette a coprire i lividi sul viso e sul corpo. 
Lei lo aveva pure denunciato. Per questo la vittima era stata indagata due volte, nell’ultimo anno, per maltrattamenti e lesioni nei confronti della compagna. Per la prima vicenda l'uomo era già stato rinviato a giudizio, per la seconda le indagini erano in corso.Nonostante ciò non riusciva a lasciare quel compagno  che le stava di fatto, come riferito alla Polizia, rovinando la vita.
Quando la Polizia è giunta sul luogo del delitto ha trovato Alessia talmente disperata da minacciare il suicidio gettandosi dalla finestra. I poliziotti sono riusciti a fermarla e lei portata in Questura non avrebbe potuto far altro che ammettere le proprie responsabilità e confessare di aver ucciso l'uomo per non beccarsi una coltellata. Gli inquirenti dovranno ora stabilire se il racconto della brasiliana è vero e se vi possa essere stata nella sua reazione sfociata in omicidio una legittima difesa. 

#delittocampasso #omicidio #genova #coltellate
caricamento in corso...
caricamento in corso...