Rigopiano: Stefano Feniello è morto. Identificato dal tatuaggio (con giallo)

25 gennaio 2017 ore 9:28, Adriano Scianca
Sarebbe di Stefano #Feniello l'ultimo #corpo senza vita identificato a #Rigopiano. Il padre, che nei giorni scorso aveva usato parole molto dure circa la gestione della strage nell'hotel abruzzese, lo avrebbe riconosciuto grazie a un tatuaggio. Tuttavia Alessio Feniello, papà del giovane, contattato telefonicamente da un cronista di Fanpage.it, ha smentito questa ricostruzione: "Non sappiamo nulla". 

Rigopiano: Stefano Feniello è morto. Identificato dal tatuaggio (con giallo)

Ma forse si tratta soltanto della ricerca della riservatezza da parte di chi ha appena vissuto un dolore grandissimo. Straziante il racconto della fidanzata Francesca Bronzi, che ha da subito parlato di quella mano sfuggita alla sua, di Stefano che non parlava ma si lamentava e di lei che guardava il suo polso, facendosi luce con la torcia del cellulare fin quando ha avuto la batteria carica. È stata sempre lei la prima ad insinuare il dubbio in tutti che il ragazzo poteva non avercela fatta, chiedendo di lui. «Dov’è Stefano, dov’è?», chiedeva ai medici e ai suoi genitori. Hotel Rigopiano, Stefano Feniello è morto: il padre lo riconosce dal tatuaggio. Stando ad una prima ricostruzione, il giovane avrebbe perso i sensi non solo a causa della valanga, ma anche per una trave che, staccandosi dal soffitto, lo aveva colpito alla testa facendogli perdere i sensi 

Dissolte, quindi, le speranze che il 28enne di Valva (Salerno) fosse nella zona bar o nella hall dove i soccorritori in un primo momento hanno ipotizzato che potesse essersi creata una bolla d’aria. Intanto i Vigili del fuoco hanno recuperato all’interno della struttura un corpo senza vita, non ancora identificato e di sesso maschile. Lo fa sapere la Prefettura di Pescara. Il numero delle vittime è salito ieri a 18, mentre scende a 11 il numero dei dispersi.



caricamento in corso...
caricamento in corso...