Amburgo, paura terrorismo: 26enne accoltella 6 persone al supermercato

29 luglio 2017 ore 11:17, Micaela Del Monte
Ancora allarme terrorismo in Germania. Ieri pomeriggio infatti un ragazzo di 26 anni è entrato in un supermercato di Amburgo armato di un grande coltello e ha seminato nuovo terrore e sangue nel supermarket della catena Edeka in un'affollata strada della città tedesca. Il bilancio è di almeno un morto e 5 feriti, una donna di cinquant'anni e quattro uomini, uno dei quali in gravi condizioni.

Amburgo, paura terrorismo: 26enne accoltella 6 persone al supermercato
Secondo alcuni testimoni l'uomo, che ha 26 anni ed è nato negli Emirati Arabi, ha gridato "Allah u Akbar" (Dio è grande) prima di colpire le proprie vittime. L'uomo si è poi dato alla fuga: è stato bloccato dai passanti che lo hanno inseguito e colpito con alcune sedie e costretto a terra, causandogli delle leggere ferite al volto. Poi l'intervento della polizia, che ha catturato l'aggressore.

La scena è stata ripresa in un video, girato all'interno di un'auto. Nelle immagini si vede l'assalitore, che ha ancora in mano il coltello, mentre viene inseguito e preso letteralmente a sediate da quattro persone. Poco dopo l'aggressore è stato arrestato. 

La Bild scrive che le autorità hanno diffuso un allarme per terrorismo e pubblica in apertura dell'edizione online la foto di un uomo con il volto coperto da un sacco macchiato di sangue sul sedile posteriore di un'auto della polizia. L'attacco è avvenuto poco dopo le 15, scrive il giornale, che ha pubblicato sul suo sito Internet una foto dell'aggressore con un testa una busta bianca e coperta di sangue.

Una delle 6 persone ferite è grave, mentre lo stesso aggressore ha riportato ferite lievi. La polizia non ha ancora confermato i motivi del gesto dell'uomo, che ha 26 anni ed è nato negli Emirati Arabi Uniti. A fermarlo sono stati gli altri clienti del negozio che l'hanno anche ferito. La polizia ha inoltre reso noto che non vi sono indicazioni che all'assalto abbiano partecipato altre persone. Il giornale Tagesspiegel, citando fonti delle sicurezza, riporta che l'uomo sarebbe noto alla polizia come islamista. E che era arrivato in Germania come rifugiato, lavorando ad Amburgo.
caricamento in corso...
caricamento in corso...