Incubo e fiamme a Nocera Umbra, bruciata viva per gelosia sospetta

31 gennaio 2017 ore 11:43, Americo Mascarucci
Non è stata un’esplosione la causa dell’#incendio divampato in un appartamento a #Nocera Umbra dove due persone sono rimaste gravemente ustionate. In un primo tempo si era pensato ad una fuga di gas ma l’ipotesi è tramontata in favore di un incendio provocato da un movente passionale.  Lui avrebbe tentato di dare fuoco all’ex fidanzata restando poi a sua volta coinvolto nel rogo. Sembra infatti che la causa dell’incendio sia stata una tanica di benzina lanciata contro l’abitazione in cui abita la donna, una 40enne #estetista che ha riportato ustioni gravissime su gran parte del corpo. 
Anche un uomo di 25 anni è rimasto a sua volta ustionato, seppur in modo meno grave, alle mani e ad una coscia. 
La pista del movente passionale sembrerebbe la più accreditata, anche perché ad avvalorare questa ipotesi ci sarebbero diversi indizi. 
La tanica di benzina innanzitutto ritrovata quasi vuota, uno smartphone spaccato a terra che probabilmente la donna potrebbe aver tentato di utilizzare per chiedere aiuto e che lui ha gettato violentemente a terra. 
Incubo e fiamme a Nocera Umbra, bruciata viva per gelosia sospetta

I due inoltre, pare sia stato accertato, erano stati legati fino a poco tempo prima da una relazione sentimentale che lei aveva deciso di chiudere ma che lui voleva a tutti i costi continuare. 
Da qui, sospettano gli investigatori, il raptus di gelosia, la corsa nell’abitazione della donna, la colluttazione con il telefono sbattuto a terra, la benzina gettata addosso all'estetista e lui che rimane investito da una fiammata di ritorno.
Questa l’ipotesi su cui stanno indagando gli inquirenti al punto che l’uomo è da ieri sera piantonato all’ospedale di Foligno. Anche perché la donna appena soccorsa avrebbe indicato ai Carabinieri proprio l’uomo come responsabile di quanto avvenuto. 
Rischia l'incriminazione per tentato omicidio. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...