Camorra, errore (quasi) fatale dei killer, ferito 14enne: due fermati

04 luglio 2017 ore 9:30, Andrea Barcariol
Napoli ha rischiato di piangere un altro giovane innocente. E' quanto accaduto sabato sera quando un ragazzino di 14 anni, incensurato, è stato colpito da un proiettile, nella parte bassa della schiena, destinato a un ex collaboratore di giustizia di 41 anni. Volevano ucciderlo per vendetta, per le sue accuse che negli anni passati hanno portato all’arresto di decine di affiliati alla cosca di Miano, ma i killer hanno sbagliato mira e fatto fuoco tra la folla di ragazzini che erano nei pressi della stazione della metropolitana collinare di Piscinola.

Camorra, errore (quasi) fatale dei killer, ferito 14enne: due fermati
L’agguato è avvenuto alle 19.30 in piazza Tafuri e il ragazzo è stato ricoverato con una pallottola conficcata nel gluteo all’ospedale San Giovanni Bosco. La visione dei filmati della videosorveglianza della zona, l'incrocio di dati e testimonianze avrebbero portato gli inquirenti, in tempi da record, sulle tracce dei presunti sicari. I carabinieri hanno sottoposto a fermo due persone, sospettate di essere i killer che hanno sparato in piazza Bernardino Tafuri, a Marianella. Sulla loro identità gli investigatori mantengono il massimo riserbo, si attende l’interrogatorio del gip che deciderà se convalidare le misure e far scattare gli arresti. Il 41enne nel mirino dei killer, che si è salvato rifugiandosi nella vicina caserma dei carabinieri, fu già vittima di un agguato nel novembre 2010, poche ore dopo la decisione di pentirsi.


#napoli #camorra #killer
PRECEDENTI - un incidente che ricorda quanto accaduto al rione Sanità quando la notte del 3 settembre scorso un gruppo di killer di Miano arrivò in piazza e fece fuoco nel mucchio uccidendo per errore il 17enne Genny Cesarano. Stessa drammatica sorte per errore Pasquale Romano, nel 2012, un bravo ragazzo, scambiato per quello che doveva essere il reale obiettivo dei sicari della camorra.





caricamento in corso...
caricamento in corso...