Trieste, morta neonata abbandonata: indagata e ricoverata 16enne

08 maggio 2017 ore 17:03, Micaela Del Monte
Era stata abbandonata nel giardino condominiale a poche ore della sua nascita e a nulla erano servite le cure ricevute all'ospedale Burlo Garofolo di Trieste. La piccola è infatti deceduta a poche ore dal suo arrivo al nosocomio e ora ad essere indagata sarebbe la madre appena 16enne. La ragazzina è ricoverata all'Ospedale materno-infantile Burlo Garofolo per accertamenti, si era presentata ieri al pronto soccorso, con complicazioni in seguito al parto.

Trieste, morta neonata abbandonata: indagata e ricoverata 16enne
16ENNE DENUNCIATA
-
La notizia è stata confermata dalla Questura di Trieste. La ragazzina abiterebbe con la famiglia nello stesso stabile in cui è stato rinvenuto il corpicino. La sedicenne triestina è a disposizione della Procura della repubblica presso il Tribunale dei Minori che l'ha denunciata, in attesa degli accertamenti sul corpicino della neonata, che puntano a verificare se la giovane abbia agito da sola, o se qualcuno possa averla aiutata nell'abbandono della piccola. La famiglia di provenienza della ragazza non presenterebbe elementi di disagio né problematiche sociali.

"Si sta lavorando su due binari - ha chiarito il procuratore capo Carlo Mastelloni che sin dalle prime battute ha seguito passo passo la vicenda -  nel senso che bisogna vedere se ci sono complicità e istigazioni o responsabilità di maggiori. La notizia di reato ci deve ancora arrivare per conoscenza per quanto riguarda degli attenti accertamenti che ha fatto la Squadra Mobile di Trieste che si e' dedicata alla vicenda". "Adesso - ha spiegato ancora il pubblico ministero - bisogna capire perché la ragazzina ha fatto una cosa del genere e anche perché una famiglia tutto sommato abbastanza acculturata, non abbandonata a se stessa, abbia potuto fare da scenario ad un gesto così disperato di questa ragazzina. Lei - ha sottolineato ancora Mastelloni - è una giovane che lavora e che fa la scuola per cuoca e anche la madre è cuoca. Ripeto sono perplesso di come una cosa del genere sia potuta accadere di questi tempi in una famiglia triestina. Forse poteva succedere in una Sicilia degli anni '40. Veramente sono perplesso e mi addolora anche il fatto che sia potuto avvenire in una città civile come questa".

AUTOPSIA - L'autopsia sul corpo della bambina si terrà mercoledì 10 maggio, secondo quanto ha riferito il procuratore della Repubblica per il Tribunale dei Minori di Trieste, Leonardo Tamborini. Della giovane mamma indagata per il fatto, il magistrato ha precisato che "come già fatto con un caso analogo verificatosi a Monfalcone un anno fa, ci sarà l' incidente probatorio e verrà chiesta una perizia psichiatrica. Trattandosi di una minorenne, possiamo dire soltanto che non vive nelle case popolari, ma anzi ha una situazione famigliare non disagiata".

RITROVAMENTO - La segnalazione del ritrovamento della piccola è giunta agli operatori del 118 intorno alle ore 13.30 di ieri da una donna, che si era recata nell'area verde assieme ai propri cani. Sarebbero stati gli animali a notare il piccolo corpo nascosto tra i cespugli. Subito sul posto sono intervenuti gli operatori sanitari assieme agli agenti della Polizia. La bambina è stata trasportata d'urgenza all'ospedale materno-infantile Burlo Garofolo, ed è apparsa subito in gravi condizioni. All'Irccs pediatrico, la piccola è stata quindi ricoverata nella sezione di Terapia Intensiva Neonatale. A nulla sono però valse le cure: il cuore ha smesso di battere alle 19.58. Sul drammatico episodio sono stati avviati gli accertamenti da parte della Squadra Mobile della Questura del capoluogo giuliano. La zona dove è stata trovata la piccola non è molto frequentata, ed è utilizzata dai residenti del complesso residenziale.
caricamento in corso...
caricamento in corso...