Immissioni in ruolo docenti precari: novità sul reclutamento per GM e GaE

12 aprile 2017 ore 10:55, Luca Lippi
Preparato il contratto per la sottoscrizione del contratto sulla mobilità del personale docente, Ata ed educativo riguardante il prossimo anno scolastico. L’amministrazione centrale del ministero ha convocato a Viale Trastevere i sindacati rappresentativi per il pomeriggio di ieri: l’incontro della prossima settimana dovrebbe essere risolutivo, cioè portare alla firma del contratto, anche se rimane ancora aperto il capitolo relativo alla chiamata diretta, ovvero all’assegnazione dei docenti alla scuola dopo aver ottenuto il trasferimento o l’immissione in ruolo su ambito territoriale.
Secondo il sindacato della scuola, Anief, l’atto unilaterale rappresenterebbe unvero fallimento” dell’azione dei sindacati maggiori e rappresentativi del comparto scuola: dopo aver prodotto a fine 2016 l’accordo sulla mobilità, realizzato una bozza di regole condivise il 31 gennaio scorso, e sbandierato ai quattro venti che il tutto si sarebbe risolto in tempi strettissimi, “significherebbe aver perso quattro mesi dietro al nulla”. 
Vanno, tuttavia, attuate delle modifiche al testo: sui punteggi riguardanti pre-ruolo, supplenze su sostegno, servizio nelle scuole paritarie e titoli abilitanti o specializzanti. Altrimenti, soprattutto dopo le ultime sentenze della Cassazione, “in tanti saranno costretti a ricorrere al giudice”.
Immissioni in ruolo docenti precari: novità sul reclutamento per GM e GaE
Commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief:Trasferimenti, passaggi, utilizzazione e assegnazioni provvisorie hanno bisogno di regole chiare, certe, condivise e da approvare subito. Ne va di mezzo il futuro di centinaia di migliaia di docenti e Ata, oltre che il regolare svolgimento del nuovo anno scolastico”.
Detto questo, nella fase transitoria sono state definite le procedure di immissione in ruolo per i docenti precari. La suddetta fase è contenuta nel decreto sul nuovo sistema di formazione e reclutamento del personale docente della scuola secondaria di I e II grado, sono diversificate per i docenti delle GaE, per gli abilitati e per i non abilitati con 3 anni di servizio. 
È importante ricordare come segnalato da Orizzonte scuola, che i docenti delle GaE (graduatorie a esaurimento) e delle GM (graduatorie di merito) 2016 non devono partecipare a nessuna procedura concorsuale ma saranno assunti dalle rispettive graduatorie secondo le modalità di seguito indicate. I docenti abilitati sono inseriti, sulla base dei titoli e di un colloquio non selettivo, in una graduatoria regionale di merito ad esaurimento e poi ammessi al percorso FIT che li condurrà all’assunzione a tempo indeterminato. I docenti non abilitati con 3 anni di servizio partecipano ad un concorso riservato, consistente in una sola prova scritta e una orale, e poi ammessi al percorso FIT che li condurrà all’assunzione a tempo indeterminato.

ORDINE DI PRIORITA’ DI ASSUNZIONE
Nel decreto leggiamo che ai docenti delle GaE è destinato annualmente, sino al loro esaurimento, il 50% dei posti vacanti e disponibili, per cui la priorità di detti docenti non è in discussione e opera sulla metà dei posti autorizzati ogni anno per le immissioni.
Il restante 50% dei posti vacanti e disponibili è, invece, destinato: ai docenti inseriti nelle GM 2016 compresi gli idonei oltre il 10%; ai docenti di cui al punto 2 (abilitati); ai docenti di cui al punto 3 (non abilitati con 36 mesi di servizio).
La priorità di assunzione dei docenti delle GM 2016, rispetto agli abilitati e ai non abilitati con 3 anni di servizio, è indicata, oltre che dall’ordine  in cui le procedure sono riportate nel testo del decreto, nel paragrafo dedicato all’assunzione dei docenti abilitati, in cui leggiamo (articolo 17, comma 2, lettera b):
“concorso bandito, in ciascuna regione, ai sensi del comma 3, al quale, al netto dei posti utilizzati per la procedura di cui alla lettera a), è destinato il 100% dei posti di cui all’alinea per gli anni scolastici 2018/2019 e 2019/2020, nonché l’80% per gli anni scolastici 2020/2021 e 2021/2022, il 60% per gli anni 2022/2023 e 2023/2024, il 40% per gli anni 2024/2025 e 2025/2026, il 30% per gli anni 2026/2027 e 2027/2028 e il 20% per i bienni successivi, sino a integrale scorrimento di ciascuna graduatoria di merito regionale.”
Il concorso bandito ai sensi del comma 3 riguarda gli abilitati e ad esso, dunque, sono destinate le percentuali di posti vacanti e disponibili sopra riportate al netto dei posti utilizzati per la procedura di cui alla lettera a), relativa ai docenti delle GM 2016.  L’espressione “al netto dei posti utilizzati …” , chiarisce che prima vanno assunti, sempre sul 50% di posti vacanti e disponibili (l’altro 50%, come suddetto, è destinato alle GaE),  i docenti vincitori (compresi gli idonei oltre il 10%) del concorso 2016.
La priorità, invece, dei docenti abilitati rispetto a quelli non abilitati con 3 anni di servizio è indicata nel paragrafo dedicato all’assunzione dei docenti non abilitati, in cui leggiamo (articolo 17, comma 2, lettera c): “concorsi banditi ai sensi del comma 7, ai quali, al netto dei posti utilizzati per le procedure di cui alle lettere a) e b), sono destinati il 100% dei posti di cui all’alinea per l’anno scolastico 2020/2021, il 60% per l’anno scolastico 2021/2022, il 50% per gli anni scolastici 2022/2023 e 2023/2024, il 40% per gli anni scolastici 2024/2025 e 2025/2026, il 30% per gli anni scolastici 2026/2027 e 2027/2028 e il 20% per i bienni successivi.”
Il concorso bandito ai sensi del comma 7 riguarda i non abilitati con 3 anni di servizio e ad esso, dunque, sono destinate le percentuali di posti vacanti e disponibili sopra riportate, al netto dei posti utilizzati per la procedura di cui alla lettera a) e b), relative ai docenti delle GM 2016 e agli abilitati. Anche in questo caso, l’espressione “al netto dei posti utilizzati …” chiarisce che prima vanno assunti i docenti delle GM 2016, poi gli abilitati e poi i non abilitati.
Per questo motivo i docenti delle GaE e delle GM 2016 saranno i primi ad essere assunti e  poi a seguire i docenti abilitati inseriti nelle GM ad esaurimento e i docenti non abilitati con 3 anni di servizio. 

IN CONCLUSIONE
Ai docenti delle GaE è destinato il 50% dei posti vacanti e disponibili sino al loro esaurimento; per gli altri docenti interessati le assunzioni avverranno secondo il seguente ordine:
-docenti inseriti nelle GM 2016;
-docenti abilitati inseriti nelle GM regionali ad esaurimento (che devono essere costituite con la summenzionata procedura da bandire entro febbraio 2018);
-docenti non abilitati con 3 anni di servizio (la cui prima procedura concorsuale deve essere bandita entro il 2018).

#Scuola #ImmissioneaRuolo #priorità #procedure
autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...