Esame di maturità, novità dal 2018: come si è ammessi e quali prove

18 gennaio 2017 ore 15:10, Americo Mascarucci
Due sole prove scritte, addio quizzone e ammissioni con la media del sei.
Sono queste in sostanza le novità più rilevanti che interesseranno gli studenti alle prese con l'esame di maturità.
Novità che però entreranno in vigore a partire dall'anno scolastico 2018/2019.
Il 14 gennaio sono stati pubblicati sul sito del ministero dell’Istruzione e della Camera i testi degli otto decreti legislativi approvati dal Consiglio dei ministri alla legge 107, cioè alla riforma scolastica approvata nel luglio 2015 dal Parlamento e conosciuta come "Buona Scuola". 
La nuova maturità, che non interesserà i maturandi dell'anno scolastico in corso e quelli del prossimo anno, prevederà due prove scritte e una prova orale.
L’esame Invalsi per italiano, matematica e inglese verrà fatto in precedenza e varrà per l'ammissione ma non si terrà più in sede di esame: l’esito della prova verrà indicato distintamente nelle tre prove ed entrerà nel curriculum dello studente.
Niente più quizzone, la temutissima terza prova scritta con domande di cultura generale predisposta dalle singole commissioni d'esame a propria discrezione. Una sorta di "prova al buio", un incubo per molti studenti.
Esame di maturità, novità dal 2018: come si è ammessi e quali prove

Le novità della riforma
La prova di italiano consisterà in un saggio breve che potrà toccare vari ambiti, letterario, artistico, filosofico, storico, scientifico ecc. e che il candidato dovrà elaborare dal punto di vista linguistico, argomentativo e critico.
La prova orale consisterà nell'analisi di testi, documenti, esperienze, progetti e anche qui l'esame verterà sulla verifica dell’acquisizione dei contenuti e dei metodi propri delle singole discipline, la capacità di utilizzare le conoscenze acquisite e di collegarle per argomentare in maniera critica e personale anche utilizzando la lingua straniera.
Non ci sarà più la tesina sostituita da una relazione e/o elaborato multimediale che spieghi l’esperienza dell’alternanza scuola-lavoro.

Ammissione
Per essere ammessi non si dovrà avere più la sufficienza in tutte le materie ma basterà la media del 6 compreso il giudizio sulla condotta.
Bisognerà inoltre aver partecipato all’alternanza scuola-lavoro. Gli studenti del Liceo dovranno aver preso parte alle 200 ore previste, mentre quelli degli Istituti Tecnici e Professionali a 400 ore.
Per sostenere l’esame di Maturità sarà necessartio aver frequentato almeno i tre quarti del monte ore personalizzato per l'indirizzo scolastico in questione.
caricamento in corso...
caricamento in corso...