Ricorsi addio: arriva l'autovelox 'TruCam' anti-telefono alla guida

22 marzo 2017 ore 10:59, Americo Mascarucci
Non bastavano gli autovelox che rilevano il superamento dei limiti di velocità a turbare il sonno degli automobilisti. Adesso arriva uno speciale apparecchio in grado di rilevare anche se un automobilista usa lo smartphone mentre guida. La notizia la dà il Corriere della Sera che spiega come il nuovo strumento sia in fase di perfezionamento da parte della Polizia Stradale in Sardegna e nel Lazio. Il nome c'è già, si chiamerà telelaser trucam. 
Oltre agli eccessi di velocità e all'utilizzo del telefono alla guida, il nuovo telelaser trucam potrà rilevare anche i sorpassi proibiti e i passeggeri che guidano o viaggiano senza cintura, grazie alle telecamere ad alta definizione.
Lo strumento sarà in grado di rilevare la velocità fino a 320km/h, potrà  riprendere i mezzi in avvicinamento fino a 1200 metri di distanza e sarà in grado di operare anche di notte. Inoltre potrà essere montato su una postazione fissa, come gli autovelox "tradizionali", ma poiché pesa solo 1,5kg è utilizzabile anche da un operatore di polizia.

COME FUNZIONA
Il Corriere della Sera spiega: 
"È una vera e propria mannaia per gli automobilisti indisciplinati al volante perché non si limita a rilevare l’infrazione di velocità ma la filma — istante per istante — e poi la archivia in un hard disk, protetto e capiente (oltre 10 mila file), per la successiva verbalizzazione. 
A differenza degli autovelox attualmente in uso, ad esempio, inizia a riprendere l’infrazione già a un chilometro e duecento metri di distanza e non dal passaggio davanti alla postazione a bordo strada. 
Questo è possibile grazie al potente raggio laser e al sensore Ccd ad alta definizione della telecamera. 
Una volta puntato il telelaser sul mezzo, l’agente può vedere sul monitor touchscreen, praticamente all’istante, la velocità alla quale viaggia. 
Non solo, grazie alla capacità di zoom della telecamera è mostrato anche se il conducente e i passeggeri hanno le cinture allacciate o se il guidatore si stava distraendo utilizzando il telefonino. 
Il rilevamento può funzionare anche di notte perché lo strumento ha un flash a infrarossi. 
Senza considerare che il software consente di pizzicare anche chi è in fase di sorpasso sulla corsia opposta e di distinguere le automobili dai camion e dalle moto calcolando, in tempo reale, il limite di velocità imposto dal codice della strada per ciascuno di questi mezzi. 
Infine, questo sistema può essere anche inserito all’interno di una postazione fissa. 
Con questo strumento - spiega ancora il Corriere della Sera che ne annuncia l'utilizzo anche in Italia in ben 382 comandi di polizia locali da Nord a Sud -, dovrebbero ridursi anche i ricorsi al giudice di pace, dato che il video può essere considerato prova inconfutabile dell'infrazione.
Insomma occhio, perché il "Grande Fratello" sta perfezionando le sue armi. Sparci sarà sempre più un gioco da ragazzi e in questo caso "chi non si ferma è perduto". 

#superautovelox #telefono #guida
caricamento in corso...
caricamento in corso...