Ricco o povero non serve il redditometro, basta il viso per scoprirlo

07 luglio 2017 ore 15:53, Americo Mascarucci
Per capire se uno è ricco o povero potrebbe non essere più necessario lo stato di famiglia o la denuncia dei redditi. Potrebbe essere sufficiente l'espressione del viso. Non è uno scherzo, esiste davvero una stretta correlazione fra l'espressione del viso e la condizione economica del soggetto. Lo sostiene uno studio pubblicato sulla rivista Journal of personality and social psychology da Nicholas O. Rule e R. Thora Bjornsdottir, due ricercatori dell'Università di Toronto (Canada), secondo cui gli individui sarebbero capaci di riconoscere lo status economico di qualcuno semplicemente osservandone il viso, anche quando appare “neutro” o inespressivo.
Ricco o povero non serve il redditometro, basta il viso per scoprirlo

LO STUDIO - Naturalmente non si tratta di convinzioni buttate a caso ma dimostrate con un esame approfondito effettuato su alcune persone che si sono offerte come volontari. 
Lo studio in particolare ha raggruppato i volontari che hanno partecipato in due grandi gruppi. In uno hanno inserito le persone appartenenti a famiglie con reddito inferiore ai 60 mila dollari, nell'altro quelle con reddito superiore ai 100 mila dollari. A tutti loro sono state scattate delle fotografie con il volto privo di particolari espressioni.
I ricercatori hanno poi coinvolto un altro gruppo di persone alle quali hanno sottoposto le fotografie chiedendo loro di stabilire in base al loro istinto e osservando i volti quali di queste erano ricche e quali invece povere.
Incredibilmente quest’ultimo gruppo è stato in grado di determinare lo stato patrimoniale di ogni volontario fotografato con una precisione del 53%, nettamente superiore a quella che è la probabilità causale. 

I RISULTATI - "Abbiamo osservato che gli studenti di soli 18-22 anni hanno già accumulato un'esperienza di vita sufficiente a cambiare visibilmente e a modellare il loro volto, fino al punto in cui è possibile capire quale sia la loro posizione socio-economica o la loro classe sociale – spiega il dottor Rule -Con il tempo, il viso tende a riflettere in modo permanente e a rivelare le esperienze vissute dalle persone. Anche quando si pensa di non esprimere alcuna emozione, i segni di quelle emozioni sono ancora lì presenti". Nello specifico, poiché il volto di una persona si plasma e modella in base all'esperienza fatta nel corso della vita, è possibile rilevarne informazioni sul suo grado di felicità accumulata e intuirne di conseguenza anche se è ricca o povera. 
Le foto sono state scattate a volto neutro ossia senza espressioni dirette di gioia o di tristezza. Anche perché l'esprimento a quel punto non sarebbe stato più rispondente al vero visto che si può ridere o piangere indipendentemente dall'essere ricchi o poveri. Insomma i diretti interessati avrebbero potuto mutare l'espressione del viso proprio per mascherare il loro reale status. Inoltre in questo modo sarebbe stato anche ingannato l'istinto delle persone che invece hanno dimostrato di sapere individuare meglio lo stato economico dei soggetti anche senza espressioni particolarmente accentuate. L'esperimento quindi è perfettamente riuscito. 

#viso #ricco #povero #espressione


caricamento in corso...
caricamento in corso...