L'ultima vittima di Harvey Weinstein: Asia Argento

11 ottobre 2017 ore 11:26, Americo Mascarucci
Anche Asia Argento sarebbe stata una delle tante vittime del produttore Harvey Weinstein che l'avrebbe molestata quando aveva 21 anni. Racconta lei stessa al New Yorker di essere stata ingannata con l'invito ad una festa. Arrivata nell’hotel dell’appuntamento – il Du Cap Eden Roc – avrebbe scoperto che in realtà non c’era alcun party. Salìta nella suite di Weinstein sarebbe stata costretta a fare del sesso orale, nonostante lei abbia ripetutamente tentato di sottrarsi. "Mi terrorizzava, era un uomo troppo grosso per me. E’ stato un incubo - avrebbe raccontato l’attrice - Non ho detto nulla finora perchè avevo paura che Weinstein potesse distruggermi come ha fatto con molte altre persone. Che potesse rovinare la mia carriera". Poi l'attrice aggiunge: "Mi sono sentita responsabile. Se fossi stata una donna forte gli avrei dato un calcio nelle palle e sarei scappata. Ma non l’ho fatto. E’ stato un trauma orribile".
L'ultima vittima di Harvey Weinstein: Asia Argento
 

LE VITTIME
Il produttore travolto dallo scandalo avrebbe dichiarato: "Sono consapevole che il modo con cui mi sono comportato con alcune colleghe in passato ha causato molto dolore e chiedo scusa - avrebbe dichiarato il produttore dopo che lo scandalo è divampato - anche se sto cercando di migliorarmi so che ho molta strada da percorrere". Tuttavia Weinstein sembra smentire diverse delle testimonianze che sarebbero emerse in questi ultimi giorni e uno dei suoi legali ha annunciato che querelerà il quotidino per accuse che, nella maggior parte dei casi, il produttore avrebbe bollato come false. 
Ma c'è anche un altro aspetto che lascia sorpresi e cioè la condizione di alcune delle presunte vittime. In alcuni casi non si tratterebbe come potrebbe sembrare di ragazzine provenienti dai bassifondi della società, cresciute nei quartieri poveri con il sogno di sfondare nel mondo del cinema e diventare una star di Hollywood. Spesso si tratta di vittime "figlie di" e attrici che potevano ignorare l'aiuto del produttore per raggiungere i propri obiettivi avendo alle spalle famiglie benestanti o addirittura genitori già affermati nel mondo del cinema e dello spettacolo. Si spera ora solo che le responsabilità di Weinstein, qualora le accuse dovessero essere confermate in sede giudiziarie, siano accertate e punite. 

#Weinstein #molestie #asiaargento

caricamento in corso...
caricamento in corso...