Niente massaggi hard? E tre cinesi lo picchiano: sequestro choc

21 dicembre 2016 ore 12:25, Americo Mascarucci
Un sessantenne di Busto Arsizio ha sporto denuncia per sequestro di persona e violenza sessuale contro alcuni cittadini cinesi dopo essersi rifiutato di consumare un rapporto sessuale a pagamento in un centro massaggi della città lombarda. 
Pare che il cliente si fosse recato lì per ricevere un massaggio alla schiena ma quando la prestazione è iniziato l'uomo ha capito che la massaggiatrice era interessata ad altro, ossia a consumare un vero e proprio rapporto sessuale, ovviamente a pagamento.
A quel punto il cliente ha interrotto la presunta massaggiatrice dicendole che le sue intenzioni erano state fraintese e che non era interessato a quel tipo di massaggi.
Di fronte però all'indisponibilità dell'uomo a pagare la prestazione non ricevuta sarebbe stato prima minacciato e spintonato dalla direttrice del centro e poi minacciato con un martello da lavoro dal titolare dell’attività. 
Ma non è finita qui perché l'uomo è stato pure chiuso a chiave all'interno del locale massaggi privo di finestre.
Niente massaggi hard? E tre cinesi lo picchiano: sequestro choc

L'uomo ha iniziato a gridare e fortunatamente le grida sono state udite da un inquilino dello stabile in cui si trova il centro massaggi il quale ha chiamato i Carabinieri che giunti sul posto lo hanno liberato. 
L'uomo ha poi presentato denuncia ai carabinieri di Busto Arsizio che hanno avviato le indagini sequestrando il martello utilizzato per le presunte minacce e gli indumenti (delle mutandine in carta) che la massaggiatrice avrebbe voluto far indossare al cliente durante la prestazione sessuale rifiutata. 
Nei guai sono finiti tre cittadini cinesi rispettivamente la massaggiatrice, la direttrice del centro messaggi e il titolare dell’attività commerciale.
Per l'uomo una disavventura fortunatamente a lieto fine. Cosa sarebbe accaduto se non fossero giunti in tempo i Carabinieri? 

caricamento in corso...
caricamento in corso...