Giochi erotici in canonica e fruste, parroco accusato di far prostituire amante

23 dicembre 2016 ore 14:48, Americo Mascarucci
Violenza privata e favoreggiamento della prostituzione. 
Queste le gravi accuse che hanno portato all'iscrizione nel registro degli indagati di un sacerdote di Padova, un parroco molto stimato soprattutto per il suo costante impegno in campo sociale.
Gli inquirenti accusano il prete di aver obbligato una sua amante a prostituirsi.
Alcuni anni fa il sacerdote avrebbe intrecciato una relazione sentimentale con una sua parrocchiana la quale però avrebbe sporto denuncia accusando il religioso di averla costretta a rapporti sessuali estremi e violenti.
Come se ciò non bastasse la donna sostiene pure di essere stata costretta dal sacerdote ad avere rapporti sessuali con altri uomini in cambio di denaro.
Accuse che anche fatto scattare le indagini della Procura culminate con la perquisizione della canonica dove i militari avrebbero rinvenuto materiale per giochi erotici, fruste e vibratori, video hard e altro materiale pornografico.
Giochi erotici in canonica e fruste, parroco accusato di far prostituire amante

Si tratta ovviamente di accuse tutte da dimostrare che intanto però hanno portato la diocesi di Padova ad allontanare il parroco.
"È una ferita. Anche solo un'inchiesta o un sospetto di questo tipo è una ferita per la Diocesi intera e in particolare per quella comunità cristiana - dichiara Don Marco Cagol, vicario episcopale della Diocesi
"Il vescovo ha parlato con il sacerdote e lui, concordandolo con il vescovo, si è fatto da parte in attesa che venga fatta chiarezza - ha concluso - evidentemente in questi giorni non è il caso che stia lì in sede. Penso sia normale che in attesa dell'evolversi degli eventi una persona pubblica non stia sotto i riflettori». ha concluso il vicario.

caricamento in corso...
caricamento in corso...