Nudo con i fiori tra le cosce, ennesima performance choc a Fontana di Trevi

24 aprile 2017 ore 16:39, Micaela Del Monte
Arriva il caldo e le fontane romane diventano un vero e proprio sogno per molti, c'è anche però chi esagera un po' e decide di farsi il bagno completamente nudo nelle acque delle opere più famose di Roma. L'ultimo caso è quello di Adriàn Pino Olivera, catalano quasi trentenne, che ha deciso di posare completamente nudo, con un mazzo di fiori in mano, immerso nella Fontana di Trevi.

Nudo con i fiori tra le cosce, ennesima performance choc a Fontana di Trevi
TREVI, UFFIZI E LOUVRE:
Lo scopo di Adriàn però sembra essere molto diverso da chi invece disonora quei luoghi d'arte in altro modo: "Non avete capito questo è el poder poético y politico del cuerpo desnudo " ha spiegato infatti lo spagnolo. La sua voleva solo essere un'opera d'arte. Olivera, infatti si è messo senza veli davanti a mirabili quadri e famosissime sculture. Come nel 2014, quando ha pregato nudo di fronte alla Venere del Botticelli negli Uffizi di Firenze. E così lo scorso marzo a Parigi. Museo del Louvre: nudo davanti alla Nike di Samotracia. Arte o non arte Adriàn si è beccato una bella multa da 450 euro.

"NON SONO COME MANOLO" - Come detto l'esibizione di Olivera ha ricordato molto quella di Manolo di qualche giorno fa, quando decise di farsi una bella nuotata nella fontana e riemergere completamente nudo. Adriàn però non si ritiene uno qualsiasi: "Ma non mi confondete con questi qua...", dice stizzito Adriàn Pino Olivera. E ci tiene a prendere le distanze. "Io non sono un pagliaccio come quel Manolo, tra l'altro la sua bravata l'ho vista su Youtube in Spagna. Ma non l'ho certo copiato... il mio è un progetto e dopo Firenze e Parigi avevo voglia di omaggiare Roma". E via con la spiegazione: "La fontana è fonte di vita, la Fuente madre. Roma è anche la madre della nostra cultura e tutti noi ricordiamo la Dolce Vita di Fellini. Il mio nudo artistico è solo un inno alla bellezza femminile. Qualcosa di molto spirituale. Da contrapporre al mondo capitalista governato da uomini. Non c'era nulla di pornografico, di sporco. Questi sono tabù che ci arrivano dal cristianesimo mentre io mi rifaccio alla bellezza del corpo umano esaltata con gli dei pagani". Nessuna contraddizione, però, quando gli si chiede, scusi ma lei cosa c'entra con le donne, lei mostra la sua parte maschile? Neanche per sogno. "Quando mi esibisco nascondo sempre il pene tra le gambe. Anche questi giorni sono stato invitato alla QbQ gallery di via Panico al quartiere Monti. Mi sono spogliato, ma tra le cosce ho stretto un mazzetto di fiori". E l'esibizione ha avuto successo? "Credo di sì. La performance è stata molto provocatoria, il pubblico ha dovuto annusare i fiori...". Nuda cronaca di una performance. Ma avverte: "Io la multa comunque non la pago. Per avere i soldi vengano a Barcellona".
caricamento in corso...
caricamento in corso...