Milano, giovane violentata in ascensore. E' caccia al "sex-offender"

28 settembre 2017 ore 8:22, Eleonora Baldo

A poche settimane dal brutale stupro di una anziana, in un vicolo nascosto e poco frequentato del quartiere Niguarda di Milano, il capoluogo lombardo è nuovamente scosso da un altro caso di violenza sessuale, questa volta ai danni di una ragazzina, i cui dati sensibili per rispetto e tutela della giovane età della vittima non saranno resi noti.

Il fatto sarebbe avvenuto ieri, tra l’androne e l’ascensore – all’interno del quale si sarebbe poi perpetrata la violenza – di un grande palazzone della zona ovest di Milano, dove la ragazzina risiederebbe con la famiglia. Subito dopo la denuncia della giovane, il comparto scientifico della Polizia del capoluogo meneghino si sarebbe recata sul posto per effettuare i rilevamenti del caso e avviare le indagini che, secondo quanto trapelato dalle prime indiscrezioni, si baseranno essenzialmente sulla ricognizione delle immagini registrate dalle telecamere del palazzo e della zona e gli elementi raccolti sul posto dagli esperti del comparto scientifico. Un compito certamente non facile, come conferma uno degli abitanti della palazzina, elogiando al contempo l'operato degli agenti: “La polizia Scientifica ha lavorato per molte ore, con estremo scrupolo, all’interno del palazzo. Si tratta di uno stabile molto grande, con moltissimi appartamenti, e dunque soprattutto nel pomeriggio entrano ed escono molte persone”.

Milano, giovane violentata in ascensore. E' caccia al 'sex-offender'

A quanto pare le indagini si starebbero orientando verso la ricerca di un “sex offender” – cosiddetto “violentatore di strada” – la cui scelta delle vittime non seguirebbe una logica precisa e consolidata ma si affiderebbe al caso, individuando le vittime in base alla “convenienza” della situazione e del momento e assecondando le proprie turbe psichiche.

Attualmente, la giovane vittima selezionata dal sex offender sarebbe ricoverata presso la clinica “Mangiagalli” di Milano, dove gli esperti del reparto specializzato “Soccorso violenza sessuale e domestica” sarebbero già al lavoro per prestare le prime cure e aiutare la giovane ad analizzare e gestire quanto le è successo.


#milano #cronaca #violenzasessuale

 

caricamento in corso...
caricamento in corso...