Novità Build 2017: cosa è stato presentato ieri da Microsoft

11 maggio 2017 ore 10:42, Americo Mascarucci
E' partita l‘edizione 2017 di Build, la conferenza annuale organizzata da Microsoft e dedicata agli sviluppatori interessati al mondo Windows. Da qualche anno ormai la tre giorni non è più soltanto un modo per entrare in contatto con il mondo degli ingegneri di Microsoft ma anche un’occasione per mostrare al mondo esterno lo stato dei lavori del gruppo relativo ai progetti che ha in cantiere. 

LE NOVITA' - La principale novità annunciata nel corso della prima giornata alla Microsoft Build Conference 2017 riguarda la possibilità di pubblicare applicazioni per Microsoft Teams direttamente tramite lo store di Office: una volta pubblicata, l’app potrà essere poi aggiunta all’interno dei canali e dei gruppi.
In più, sono state introdotte due nuove funzionalità, “Compose extension” e le notifiche di terze parti nel feed delle attività. 
Per quanto riguarda la prima, si tratta di piccole icone a scomparsa che si possono visualizzare una volta che viene cliccata un’app sotto l’editor all’interno di una conversazione al fine di avere informazioni sull’app stessa o per accedere ad una funzionalità specifica introdotta dallo sviluppatore all’interno dell’icona.
 
AZURE COSMOS DB - E' stato creato da zero per potenziare servizi cloud e applicazioni data-intensive a livello globale, dall’IoT all’AI ai dispositivi mobili, con performance incredibili, tolleranza ai guasti e supporto per ogni tipo di dato, incluso Graph. Si tratta del primo servizio di banca dati multimodale del settore a distribuzione globale destinato a fornire scala orizzontale con uptime garantito, efficienza, coerenza e latenza di 1 millisecondo al 99° percentile. Gli sviluppatori usufruiscono di una flessibilità incredibile con l’unico servizio di banca dati schema-free, che supporta le opzioni NoSQL più diffuse e offre cinque opzioni di coerenza ben definite con contestuale autoindicizzazione di tutti i dati. Azure Batch AI Training è invece una nuova offerta targata Azure, disponibile solo in anteprima riservata, che consentirà a sviluppatori e data scientist di configurare un ambiente applicando determinati parametri e di eseguire i modelli avvalendosi di varie CPU, GPU e, finalmente, anche di gate array programmabili dall’utilizzatore.

CORTONA - In aggiunta, sempre in sede di Conferenza, Harman Kardon ha presentato Invoke, uno speaker intelligente molto simile ad Amazon Echo, ed il quale sfrutta l’IA fornita da Microsoft Cortana per conoscere e rendere disponibili le ultime notizie, le info sul traffico, la riproduzione dei brani musicali in streaming ed altre operazioni complesse, gestibili direttamente tramite input vocale dall’utente.
Inoltre, la software house di Remond ha annunciato una contestuale partnership diretta con il produttore HP ai fini della realizzazione di un altoparlante basato su intelligenza Cortana, mentre Intel si farà carico di sviluppare un platform di riferimento che consenta di rendere l’avvio di Cortana più rapido su una molteplicità di device.
All’inizio del keynote, il CEO Satya Nadella ha comunicato che l’assistente digitale viene oggi utilizzato da oltre 140 milioni di utenti al mese. Cortana consente di eseguire numerose operazioni, utilizzando unicamente la voce, ma solo con i servizi e le app sviluppate da Microsoft. Con il Cortana Skills Kit sarà possibile creare “abilità” di terze parti mediante la generazione di un bot che verrà distribuito tramite il Bot Framework. Le skills saranno disponibili per tutte le piattaforme compatibili, ma per il momento solo negli Stati Uniti.

#Build2017 #microsoft #novità
caricamento in corso...
caricamento in corso...