Con WhatsApp Revoke mai più errori: messaggi annullati dopo l'invio

15 dicembre 2016 ore 12:48, Andrea De Angelis
La funzione Revoke di WhatsApp è finalmente realtà. Permetterà di eliminare un messaggio subito dopo averlo inviato, così che lo stesso non risulti più visibile al destinatario. 

A chi non è mai capitato di sbagliare? Nessuno. La fretta a volte tira brutti scherzi, così come la "cronologia" della chat, che magari ci vede inviare un messaggio d'amore all'ultimo della lista, dimenticando che un attimo prima avevamo scritto al collega di lavoro circa la riunione. Insomma, errori più o meno gravi ai quali è impossibile rimediare. Almeno fino ad ora.
Grazie alla versione 2.17.1.869 (attualmente in fase di test), più di un miliardo di utenti aspettano la versione definitiva per poter sfruttare la nuova funzione.

Con WhatsApp Revoke mai più errori: messaggi annullati dopo l'invio
WhatsApp ha dunque dimostrato di ascoltare le richieste dei propri utenti. In molti infatti avevano chiesto di poter rimediare ai propri errori, anche perché talvolta non si trattava di imbarazzo o gaffe da poco, ma il rischio era di mettere in crisi la propria storia d'amore o di perdere il posto di lavoro. Insomma, un invio pagabile a caro prezzo. 
Le modalità però non sono ancora del tutto chiare: si pensa che, una volta eliminato il messaggio, chi sta dall'altro lato dello schermo riceverà comunque una notifica in cui viene avvisato che il mittente aveva scritto qualcosa - fino a quando, forse, sarà possibile eliminare direttamente anche quest'ultimo passaggio. Anche perché se così fosse aumenterebbe la curiosità del destinatario e, a seconda del soggetto, diventerebbe difficile non soddisfarla. 
Ultimo aspetto poi da prendere in considerazioni non da poco conto. Gli screenshot, proprio come accade sui social, sono sempre pronti a fare "il loro lavoro". Anche un messaggio "pericoloso" cancellato dopo una manciata di secondi potrebbe essere stato letto e salvato attraverso uno screenshot. Cancellarlo, a quel punto, non servirebbe a nulla. Per questo, al di là di ogni possibile ausilio tecnologico, l'attenzione resta sempre la migliore arma di difesa. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...