Un bug spaventa YouTube, per gli hacker è un "magazzino" del porno

18 gennaio 2017 ore 9:48, intelligo
Una backdoor che consente di caricare video vietati su YouTube. Stando a quanto scrive lo staff di torrentfreak.com, alcuni cybercriminali starebbero usando Youtube come magazzino per filmati hard, che poi vengono ricondivisi sui loro siti. Il meccanismo è semplice: gli hacker sfruttano il servizio di hosting offerto da Google per caricare porno su YouTube e poi piazzarlo sui propri siti attraverso GoogleVideo.com. I contenuti in questione non vengono resi pubblici, perché c'è un’opzione che permette di caricare video sulla piattaforma tenendoli privati ma i server Google vengono usati come piattaforma per salvarli. Non essendo “visibili” al pubblico del servizio streaming, il controllo viene facilmente bypassato. «YouTube si sta trasformando in uno dei più sconfinati database di video pirata, anche di tipo pornografico»: è la denuncia che si legge su TorrentFreak e che parte da Dreamroom Productions, casa di produzione californiana che lavora nell’ambito dei contenuti a luci rosse. La società ha accusato il servizio Google di ospitare una quantità esorbitante di materiale protetto da copyright, caricato online da terzi.

Un bug spaventa YouTube, per gli hacker è un 'magazzino' del porno
Questi contenuti non compaiono nei risultati di ricerca ma restano visibili per coloro che conoscono l’indirizzo esatto e per eventuali siti che li incorporano all’interno delle proprie pagine. Il materiale, quindi, è difficilmente individuabile perfino da YouTube, mentre gli amministratori di questi siti hanno a disposizione una sorta di magazzino veloce, affidabile e gratuito. Almeno per qualche settimana finchè i video non vengono scovati dal colosso di Mountain View.

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...