Facebook, governi ''in pressing'': +27% richieste accesso a dati utenti

23 dicembre 2016 ore 22:01, intelligo
di Stefano Ursi

Secondo quanto emerge dal Transparency Report, reso noto da Facebook, le richieste dei Governi relative a dati degli utenti sono aumentate, nel primo semestre del 2016, del 27% rispetto a quello precedente. Si è infatti passati da 46.710 a 59.229. Andando a vedere il dato italiano, il report della società di Menlo Park racconta di 1.872 richieste su 2.836 account relativamente a procedimenti legali, nel periodo che va da Gennaio a Giugno di quest'anno, di cui solo il 56% esaudite dal social. Non ci sono però solo dati in aumento in questo comparto, visto che il report vede un decremento dell'83% delle richieste da parte di enti governativi relative alla limitazione di accesso a contenuti che non si attengono alle leggi locali.

Facebook, governi ''in pressing'': +27% richieste accesso a dati utenti
Questi numeri raccontano un calo vertiginoso, da 55.287 a 9.663, ma il dato altissimo precedente, emerge dal report, sarebbe legato alle numerosissime richieste di rimozione, nel semestre precedente, di un'immagine legata agli attentati terroristici di Parigi del Novembre 2015. C'è un'altra notazione importante, quest'anno, e riguarda le richieste che Facebook riceve relativamente alla conservazione dei dati degli account in attesa dei processi; la compagnia rende noto che le richieste di questo genere, nel periodo preso in considerazione, sono 38.675 relative a 67.129 account. La società ha poi reso noto che soddisferà le richieste di conservazione ma che, in ogni caso, fornirà i dati sempre e solo dietro una formale richiesta legale.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...