Addio Facebook, ecco Monkey il social "veloce" dei giovani. Come funziona

23 gennaio 2017 ore 11:03, Micaela Del Monte
Si chiama Monkey ed è l'ultima frontiera del social network. Il social network in questione ha già conquistato la fiducia di oltre 200mila utenti ma sollevato al tempo stesso qualche perplessità perché l’app ha un meccanismo molto simile alla discussa Chatroulette. Monkey infatti è una video-chat che permette agli utenti di entrare in contatto con perfetti sconosciuti e per una manciata di secondi: non si tratta quindi del classico social network che permette di mantenere i contatti con le persone che si conoscono già. Si tratta insomma di una Chatroulette reinventata sotto una veste molto più giovanile, fresca e dinamica. I due ragazzi che hanno fondato Monkey, tra l’altro, si sono conosciuti proprio su Internet visto che Pasternak viveva a Sydney (dove si era già fatto notare per l’app Flogg), mentre Turner aveva la sua base nel Maryland. Ora vivono entrambi a New York.

Addio Facebook, ecco Monkey il social 'veloce' dei giovani. Come funziona
Monkey "è per una comunità estremamente "pulita"", tiene a sottolineare Pasternak che insieme al suo socio ha aperto un profilo su Snapchat per raccogliere i problemi segnalati dagli utenti. Al momento - secondo il New Yorker - con questo meccanismo l'app ha totalizzato circa mezzo milione di chiamate casuali tra i suoi utenti. "Avevo gruppi di amici ovunque, da YouTube ai forum di tecnologia - spiega Turner al sito Mashable -. Con gli amici della vita reale si possono generare pettegolezzi o drammatizzare situazioni, con quelli online non ci sono legami, puoi lasciarti andare di più".

Sono molti i finanziatori pronti a scommettere sul nuovo sistema di videochat Monkey. I creatori spiegano che non sono soltanto gli artefici del progetto ma che si pongono anche in qualità di utilizzatori finali. L’app iOS Monkey è già disponibile all’interno dello store ufficiale Apple italiano. Per funzionare richiede la creazione di un profilo in cui specificare età, username e genere sessuale. I permessi richiesti dall’app sono quelli relativi alla fotocamera ed al microfono per l’attivazione delle notifiche.

caricamento in corso...
caricamento in corso...