Ue multa Google, 2,4 mld per posizione dominante. Il precedente russo

27 giugno 2017 ore 13:41, intelligo
L’Unione europea rifila a Google una multa da 2,42 miliardi di euro per avere abusato della propria posizione dominante nel settore delle ricerche per lo shopping online, favorendo i propri servizi ai danni di quelli dei concorrenti. È la multa più elevata che sia mai stata comminata dall’Antitrust europeo a un’azienda tecnologica: il record precedente era   stato raggiunto nel 2009 con la sanzione da un miliardo di euro a Intel, azienda leader nella produzione dei microprocessori, per abuso di posizione dominante sul mercato. Rimanendo in Europa ma uscendo dai confini dell’Unione, si può trovare una multa, molto meno alta di quella stabilita da Bruxelles, inflitta proprio a Google
Ue multa Google, 2,4 mld per posizione dominante. Il precedente russo
dalla Russia. Secondo le tesi della Commissione europea, Google ha favorito – nella visualizzazione dei risultati di ricerca - il proprio servizio di confronto fra i prezzi, ottenendo così "un vantaggio illegale". L’azienda americana è chiamata a “mettere fine a questa pratica entro 90 giorni, altrimenti sarà sottoposta ad altre multe fino al 5% del giro di affari medio realizzato ogni giorno a livello mondiale da Alphabet, la società madre". Una decisione accolta con soddisfazione dalla commissaria alla Concorrenza Margrethe Vestager."Quello che Google ha fatto - ha osservato la rappresentante della Commissione europea - è illegale per quanto riguarda le regole Ue: ha impedito alle altre società di fare concorrenza sulla base dei loro meriti e di innovare. E soprattutto, ha impedito ai consumatori europei di beneficiare di una scelta reale di servizi e dell'innovazione".
Google può fare appello contro la sanzione. L'Ue ha avviato indagini anche su altre pratiche di Google, in particolare su Android e su Adsense.

RUSSIA CONTRO GOOGLE -  Proprio sulle pratiche legate ad Android erano stati accesi i fari dell’Antitrust di Mosca. Le autorità russe hanno deciso nell’agosto 2016 che il gigante di Mountain View avrebbe dovuto pagare 6,8 milioni di dollari, accusando Alphabet, controllante di Google, di aver violato le leggi a difesa della competizione. In particolare, il Federal Anti-Monopoly Service, organo federale antitrust della Russia, ha sanzionato Google per aver richiesto ai produttori di telefoni di pre-installare le sue applicazioni su dispositivi mobili Android.
A denunciare il caso era stato il motore di ricerca russo Yandex. La multa, individuata fra l’1% e il 15% del totale degli utili generati dalle vendite sui dispositivi mobili nel 2014, è stata pagata da Google – come comunicato dal Servizio federale contro i monopoli della Russia – il 9 maggio scorso. Stando alla nota dell’Antitrust russo, la società americana ha pagato al Fas ammende amministrative pari a 438 milioni di rubli (circa 7 milioni e 670mila dollari).

#Ue #Google #Antitrust #Russia

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...