Windows 10 Creators update per risolvere i problemi, ma fa paura

29 marzo 2017 ore 12:21, Luca Lippi
La paura corre sul web (per i non esperti) e si chiama Windows 10. Abbiamo affrontato l’argomento ma è arrivato un aggiornamento importante (Windows 10 Creators Update Assistant). In sostanza, il problema denunciato si è verificato solamente a quegli utenti che hanno aggiornato Windows 7 con Windows 10. Per essere più chiari; tutti coloro che hanno salvato i dati importanti e hanno provveduto a ripulire il pc e solo in seguito hanno installato Windows 10, non corrono nessun pericolo.
Sta di fatto, che nel martellamento dello scorso anno molti utenti hanno aggiornato il proprio Pc dietro la spinta compulsiva di Mocrosoft che ha invitato fino allo sfinimento ad aggiornare la versione direttamente e gratuitamente.
Gli avvocati statunitensi che si occupano del caso e che vogliono trasformare la causa in una class action, accusano Microsoft di aver gestito un'operazione (l'upgrade forzoso a Windows 10 appunto) che ha portato a un gran numero di casi di malfunzionamento, incompatibilità, perdita di dati (personali o professionali) e addirittura hard disk danneggiati. Infine Howard Goldberg (uno dei tre denuncianti), dopo 6 mesi di richieste continue che quotidianamente gli consigliavano di aggiornare a Windows 10, ha tentato di installare il nuovo sistema operativo, ma dopo tre tentativi andati male si è trovato con un dispositivo non funzionante e con la perdita di dati.
Windows 10 Creators update per risolvere i problemi, ma fa paura
Il problema non è proprio così superficiale. Non tutti sono esperti ‘smanettoni’, spesso anche chi crede di esserlo si trova a dover brancolare nel buio in alcuni casi nei quali è richiesta una competenza professionale adeguata.
È del tutto naturale che gli utenti siano percorsi dal terrore. Ora Microsoft è corsa ai ripari e ha pronto Windows 10 Creators Update, disponibile in maniera non ufficiale attraverso lo strumento “Windows 10 Update Assistant” (Assistente aggiornamento di Windows 10), cioè un mini programma rilasciato da Microsoft che permette di effettuare un aggiornamento diretto all’ultima release del sistema operativo senza dover passare per Windows Update. Sebbene la casa di Redmond non abbia ancora ufficializzato la data del debutto del prossimo step di Windows 10 che alcuni davano per il giorno 11 aprile, l’aggiornamento può essere già forzato attraverso questo strumento.
Il problema, però, non è l’aggiornamento in se, ma piuttosto il terrore di vederi nuovamente ‘inchiodato’ il Pc con le conseguenze del caso.
Poi, a voler essere proprio precisi, molti utenti che hanno avuto problemi nell’aggiornamento sono già ricorsi a rinnovare l’acquisto di un nuovo terminale nell’urgenza di risolvere il problema, chi li risarcisce?
Un sistema operativo giovane porta con sé inevitabilmente difetti e vizi di gioventù, perché fare da cavia spontaneamente? 
Tuttavia, se proprio non si resiste alla tentazione di vedere tutte le migliorie apportate al sistema, di cui si è parlato in queste settimane, è utile sapere che è possibile forzare l’update. Cosa serve sapere?
La build Windows 10 in questione, rilasciata mezzo assistente di aggiornamento, è la 15063, ovvero l’ultima versione RTM rilasciata agli Insider, quella che dovrebbe essere distribuita pubblicamente. Ovviamente, la release non ha niente in meno di quella che la stessa Microsoft proporrà nel corso delle prossime settimane, essendo questa distribuita tramite i server della compagnia.
L’unico inconveniente, se così si può dire, è fornito dal fatto che l’utente deve necessariamente prevedere l’utilizzo dell’ultima versione dell’Assistente Aggiornamento, non ancora distribuita in via ufficiale. Utilizzare una vecchia release del software, infatti, non garantirà l’aggiornamento. 
Noi ci limitiamo a consigliare di attendere l’aggiornamento automatico, e se proprio si vuole essere tranquilli e sereni, rivolgersi a un tecnico che oltre seguire l’installazione è in grado di rispondere a tutte le domande per risolvere ogni comprensibile dubbio.

#Microsoft #Windows10Creators #classaction #denuncia #Illinois #UpdateAssistant

autore / Luca Lippi
Luca Lippi
caricamento in corso...
caricamento in corso...